Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Enzo Di Maio

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Enzo Di Maio

Quando mi chiamerai papà

Ti guarderò mentre dormi
e quando sogni,
Mi nutrirò di insonnia nelle notti
e come musica ascolterò i tuoi pianti.

Osserverò i tuoi primi passi
e riderò ogni volta che cadi e ti rialzi
cercando un equilibrio
con quei minuscoli piedini scalzi.

Registrerò di te ogni istante,
ogni momento scruterò le tue labbra
ed ogni suono che ne uscirà
e piangerò di gioia quando diverrà realtà
il giorno che pronuncerai "papà".
Composta giovedì 2 gennaio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio

    Faccia come a casa sua

    Povero popolo mio, sei nato rassegnato,
    sò passati secoli, e t'hanno
    sempre dominato.

    Tedeschi, Francesi, Saraceni e Papalini
    qui pe tutti è stata festa
    e mai na vorta sei riuscito
    a arzà la testa.

    Stai sempre ad aspettà che piove
    ma na pianta, se nun jè dai acqua
    prima o poi te more.

    Nun sei mai stato fiero
    e te sei sempre consegnato a lo straniero.
    Nun hai ritegno e dignità
    e manco t'accorgi che te stai a suicidà.

    Te venni er voto ad ogni intruso fanfarone
    che s'arricchisce e t'ammazza,
    de fumo e de carbone.

    Pe te er concittadino
    è sempre stato un gran cretino,
    un deficiente che nun sà fà niente,
    ar contrario der forestiero
    che è bello, bravo e intelligente.

    E qui te devo dà pure ragione,
    è vero, ce capisce
    ma t'ha fatto sempre
    er culo a striscie.

    Continua così. me raccommanno,
    e nun te preoccupà, nun c'avè fretta,
    er piatto ormai è voto
    e nun ce poi fà neppure la scarpetta.
    Composta lunedì 23 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio

      Buon Natale, e ricordateve de Oreste!

      Buon Natale, bella gente,
      buon Natale e buone feste.

      Buon Natale ai piccoli e ai piu grandi,
      agli onesti e pure ai disonesti.
      Buon Natale a chi lavora
      e a chi è disoccupato, che è pure fortunato
      perché potrà festeggià senza esse disturbato.

      Buon Natale ai ricchi,
      che festeggeranno con cene,
      botti e gran sollazzo,
      e a tutti i poveracci
      che s'accontenteranno de du palle
      e come ar solito s'attacheranno ar cazzo.

      Buon Natale ai giudici cretini
      che mannino in vacanza l'assassini
      e a chi se fuma no spinello
      lo chiudino dentro
      e buttano via la chiave der cancello.

      Buon Natale ai banchieri
      e a tutti i grandi finanzieri.
      Spero che je tocchi un gran cenone
      ma che sia per loro l'urtimo boccone.

      Buon Natale a chi sto popolo governa
      e jà fatto un culo come na capanna.
      Puro a loro rivolgo un sentimento:
      che jè crolli addosso tutto er Parlamento.

      Buon Natale, e ricordateve de Oreste!

      Chi è Oreste?
      Nun lo sò, pero faceva rima.
      Composta venerdì 20 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio

        Madiba

        Ma l'anima c'è,
        l'anima rimane, è immortale.
        Ti indicherà' la via,
        ti ricorderà' chi ero,
        perché' ero e perché c'ero.

        Ti rammenterà' le mie sofferenze,
        la libertà' perduta per il bene della gente.
        La mia anima sarà per te
        uno specchio.
        Vi vedrai che la vita è un rischio.

        Ti ricorderà' le mie parole
        e perché' e normale sacrificar
        se stessi per un ideale.

        Liberare un popolo che soffre.
        Oppresso da ogni male.
        Composta venerdì 6 dicembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Di Maio

          La finestra de Marìca

          Me ricordo, ragazzetto, la domenica matina,
          quanno s'annava a messa,
          e pe fa la comunione
          dovevi sottopotte a confessione.

          Sta cosa, a di la verità,
          mà sempre disturbato.
          Nun m'annava de raccontà
          li cazzi mia ar curato.

          L'imbarazzo poi saliva
          quanno jè dovevì di:
          "me sò toccato."
          Dopo avè finito tutta la litania:
          "Padre, ho solato mille lire a mamma mia,
          me sò fregato un maritozzo e un pasticcino"
          de botto jè dicevo: "e poi, vabbe,
          me sò puro masturbato un pochettino"

          "Nun se fà, è peccato" diceva serio er prelato,
          "ricordate che Dio te vede, la sera, la notte
          e puro la matina e poi, quante vorte
          l'hai fatta sta manfrina?"

          "Padre, de sicuro nun ricordo
          ma, nell'intera settimana, armeno na trentina".
          "Santo Dio, questo nun solo è un gran peccato
          ma rischi puro de rimanè cecato"

          Dopo la dovuta penitenza,
          na cosa me frullava pe la testa:
          "ma co tutto sto casino che c'è in tera
          Dio se dovrebbe dà da fà, eppuro in fretta,
          possibile che stà sempre attento a me
          pe vedè se me sparo na pugnetta?"

          E poi c'avevo puro na scusante,
          na tentazione assai costante.
          La finestra della stanza mia
          era proprio de faccia a quella de Marica
          che, tacci sua, era proprio na gran fica.
          Pe me era na manna,
          stava sempre gnuda
          proprio come l'aveva fatta mamma.

          Tante vorte me dicevo: "ce dò un tajo"
          de profilo sembravo un fojo, lungo lungo
          e fino fino.
          Mi madre la matina me ingozzava d' ovomaltina.

          Ma la serranda mia è sempre stata rotta,
          avoja a di basta, appena arzavi n'occhio, tac,
          s'arzava l'asta.

          Alla fine la famja sé trasferita,
          ar posto suo mo c'era na vecchia,
          poraccia, dormiva cor cappotto
          ed era tutta raggrinzita.

          De sicuro dopo un po' me sò ingrassato
          però è stato proprio una gran peccato
          pe n'ber po' nun me sò manco più affacciato.

          L'ho rivista dopo ott'anni Marica,
          era sempre bòna, sortanto un po' sfiorita.
          L'ho salutata, ma dato un bacio su na guancia
          e all'orecchio mà sussurato:
          "a bello te lo tocchi più er pisello?

          Sò rimasto come un fesso, quasi imbarsamato
          e cor cervello che s'enterrogava:
          " cazzo ma questa me guardava! " (enzo di maio)
          Composta mercoledì 4 dicembre 2013
          Vota la poesia: Commenta