Le migliori poesie inserite da bbenry

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: bbenry

Lanterne

Svellono sonno alla notte.
Ingarbugliate,
impigliate alla vita
chiassose,
disturbano
infide stelle
dottrine di speranza.
Misurano il profondo drappo
alla ricerca di uniformi destini
amari e benedetti
nel crepitio di muti sguardi.
Già sanno di perdersi
in quel disperato volo
eppure
vanno
sorridendo.
Composta mercoledì 26 novembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: bbenry

    A Mare Maria

    Non credo sia la cosa giusta
    non è mica colpa sua
    se ti ostini ad andare in crociera.
    Qui si naviga a vista,
    la fede imbarca acqua e
    loro non sanno nuotare.

    Ma poi... Maria,
    non credere che non sia
    possibile inventare
    nuovi vizi a colazione,
    è dal principio che siamo alla frutta!

    Cosa ne sa un figlio del proprio cuore
    se guarda più al futuro
    che al trapassato?

    Tuttavia
    per Maria,
    scattiamo qualche foto.
    Croce e delizia tra quelle dune
    troppa sabbia negli occhi;
    in comunione solo un'immensa solitudine.

    Comunque lo sa Maria,
    il Capitano ha segnalato l'avaria,
    è perfettamente inutile continuare a piangere.
    Di scialuppe ne vedo poche...
    conviene tuffarsi in mare,
    senza gabbiani e senza rotte
    terra... è una bugia
    che non può più raccontare.
    Composta venerdì 18 gennaio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: bbenry

      Calice

      Ecco i miei nuovi confini
      le severe distanze.
      Un calice d'oscurità
      tutto per me
      il perfetto brindisi
      d'addio.
      Immobile il respiro,
      tramortito dal crollo
      interrotto soltanto dal pianto del mattino.
      Ora non importa
      conoscere la cura,
      immaginare isole
      oltre la follia.
      Oggi è necessario partire
      senza invocare il crepuscolo.
      Composta mercoledì 12 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: bbenry

        Se piango per te

        Ho preferito ali d'Icaro
        ai passi del grano
        imparando la danza degli inverni
        solo per abbandonare gli dei.
        Così
        se piango per te
        è colpa della luna
        della sua tristezza.
        Vuole scrivermi
        lettere discrete
        da nascondere
        allo sguardo dei sapienti.
        E' colpa del vento
        che riesce a trovarmi
        quando smarrisco
        la strada di casa
        per soddisfare
        i piaceri della ragione.
        Se piango per te,
        Madre mia,
        è per questi mari
        che riposano
        soli
        nei versi dei poeti
        illudendosi
        d'esser ancora vivi.
        Composta lunedì 3 marzo 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di