Poesie inserite da fucku

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Frasi di Film, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: fucku

If I...

Ogni notte mi manchi.
Le lacrime scendono come pioggia,
in una tempesta che non posso sperare di fermare.
Vorrei, come vorrei arrivasse il giorno
vorrei, come vorrei che cacciasse i miei mostri.
Calore, dolore, lacrime, amore.
Tutto per te, te che mi manchi.
Vorrei, come vorrei potertelo sussurrare,
averti così vicino da farmi sentire.
Ma sei lontano.
Le mie parole non ti arrivano, non puoi sentirmi.
Ogni singola notte mi manchi.
Le lacrime continuano a scendere.
Una pessima abitudine da cancellare.
Come il mio ricordo di te.
Vorrei, come vorrei potere non ricordarti
vorrei, come vorrei saper mentire a me stessa.
Ogni notte le lacrime scendono.
Che dovrei fare? Che posso fare?
Mi mancherai per sempre.
Le lacrime si asciugheranno e ogni notte, ancora, ti amerò.
Composta giovedì 30 luglio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: fucku

    Dreams

    If everyone cared and nobody cried
    if everyone loved and nobody lied
    if everyone shared and swallowed their pride
    then we would see the day where nobody died.

    Se tutti si preoccupassero e nessuno piangesse
    se tutti amassero e nessuno mentisse
    se tutti condividessero e mettessero da parte il loro orgoglio
    allora vedremmo in giorno in cui nessuno muore.
    Composta venerdì 20 giugno 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: fucku
      Vent'anni fa m'ammascherai pur'io!
      E ancora tengo er grugno de cartone
      che servì p'annisconne quello mio.
      Sta da vent'anni sopra un credenzone
      quela maschera buffa, ch'è restata
      sempre cò la medesima espressione,
      sempre cò la medesima risata.
      Una vorta je chiesi: - E come fai
      a conservà lo stesso bonumore
      puro ne li momenti der dolore,
      puro quanno me trovo fra li guai?
      Felice te, che nun te cambi mai!
      Felice te, che vivi senza core! -
      La Maschera rispose: E tu che piagni
      che ce guadagni? Gnente! Ce guadagni
      che la gente dirà: Povero diavolo,
      te compatisco... me dispiace assai...
      Ma, in fonno, credi, nun j'importa un cavolo!
      Fà invece come me, ch'ho sempre riso:
      e se te pija la malinconia
      coprete er viso cò la faccia mia
      così la gente nun se scoccerà... -
      D'allora in poi nasconno li dolori
      de dietro a un'allegria de cartapista
      e passo per un celebre egoista
      che se ne frega de l'umanità.
      Composta giovedì 6 marzo 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di