Poesie inserite da Domenico De Rosa

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi di Film, in Umorismo e in Leggi di Murphy.

Scritta da: Domenico De Rosa

'A cunfessione 'e Taniello

Taniello, ch'ave scrupole
mo che se vo'  'nzurà
piglia e da fra Liborio
va pe' se cunfessà.

- Patre – le dice - ì roseco,
e pe'  nniente me mpesto;
ma po' rico  'o rusario,
e chello va pe' cchesto...

Patre, 'ncuollo a li femmene
campo, e ncoppa  'o burdello;
ma sento messe e predeche
e chesto va pe' chello...

Jastemmo, arrobbo... 'o prossimo
spoglio e lle dongo  'o riesto;
ma po' faccio  'a lemmosena
e chello va pe' chesto...

E mo, Patre, sentitela
st'urdema cannunata:
a sora vostra, Briggeta,
me l'aggio  'nzaponata...

Se vota fra Liborio:
- Guagliò, tu si Taniello?
ì me  'nzapono a mammeta,
e chesto va pe' cchello! –

Traduzione

Gaetaniello, che ha scrupoli
adesso che si vuole sposare,
piglia e da frate Liborio
va per confessarsi.

Padre –gli dice - io" rosico "
e per un nonnulla mi incollerisco,
ma poi recito il Rosario
e quello compensa questo...

Padre, io vivo alle spalle delle donne
e vivo di bordello,
ma sento Messe e prediche
e questo compensa quello...

Bestemmio, rubo... il prossimo
" denudo "e gli" do anche il resto";
ma poi faccio l'elemosina
e quello compensa questo...

E ora, Padre, sentìtela
quest'ultima cannonata:
vostra sorella, Brigida,
me la sono scopata...

Gli si rivolge don Liborio:
-Guagliò, tu sei Gaetaniello?
Io mi fotto tua mamma,
e questo compensa quello! -.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Domenico De Rosa

    Testamento

    Quanno mor'io, chiagnìteme
    nu quarto d'ora e basta.
    Che m'atterrate all'ùnnice?
    Salute e bbene! 'E ddoie menàte  'a pasta.

    Se sape, 'a vita solita,
    cchiù o meno, su per giù.
    E allora fosse  'a ridere:
    pecché so'  muorto nun magnate cchiù?

    Facìteme n'esequia
    semplice quanto maie:
    'o carro  'o municipio;
    te mmòccano  'int' 'o carro e te ne vaie.

    " Aaaaah, Baccalaaà...! "s'  'o portano
    p' 'e vicule, 'o pueta.
    Meglio accussì! Credìteme,
    ce sparagnate  'a roseca e  'a muneta...

    Pecché, facendo 'annunzio
    ncopp' 'o giurnale, he a fa'
    cinche o sei lire  'a lìnia,
    na ciento lire sempe se ne va.

    E ll'amice intanto  'o llèggeno
    e ognuno legge e penza:
    "E chisto è n'ato esequie!
    Comme nun vaie! nce a j'. Pe' cummenienza!"

    E allora vuie pigliasseve
    nu carro  'e primma classe...
    sciure, carrozze, prièvete...
    cammariere c'  'o tubbo e  'o fracchisciasse...

    E 'o mpiccio 'int'a stu vìcolo?
    E 'a folla ca s'auna?
    E amice ca sfastédiano:
    "Che Ddio! s'è ditto all'ùnnice e mo è ll'ùna!

    E che maniera! È inutile,
    chi è scucciatore, more
    scucciànnote fin'all'urdemo,
    si no t' 'o scuorde ch'era scucciatore!"

    E se un amico, in lacrime,
    sulla composta bara,
    te fa l'elogio funebre?
    Poveri muorte tuoie! chi ll'arrepara?

    E si accummencia a chiovere
    nfromme se move  'o carro?
    Madonna chilli priévete!
    Ggiesù chilli cumpagne c' 'o catarro!

    Quanno mor'ì, ca 'o miedeco
    stendesse ll'atto 'e morte,
    e... nun facite nchiudere
    manco 'o miezo purtone a  'o guardaporte!

    Si me vulite chiagnere
    nu quarto d'ora e basta.
    Che m'atterrate all'ùnnice?
    Salute e bbene! 'e ddoie... menàte  'a pasta.

    Testamento – Traduzione (per quanto possibile, rispettosa del testo in napoletano)

    Quando muoio io, piangetemi
    Un quarto d'ora e basta.
    Che m'atterrate alle undici?
    Salute e bene! Alle due buttate la pasta.

    Si sa, la solita vita...
    più o meno, su per giù.
    E allora, sarebbe da ridere:
    Poiché sono morto, non mangiate più?

    Fatemi delle esequie
    semplici quanto mai:
    il carro del municipio;
    ti imboccano nel carro e te ne vai.

    " Aaaaah, Baccalaaà...! "se lo portano
    per i vicoli, il poeta.
    Meglio così! Credetemi,
    risparmiate" rosicature "e denaro...

    perché, facendo pubblicare l'annuncio
    sul giornale, devi calcolare
    cinque o sei lire ogni riga,
    una cento lire sempre se ne va.

    E gli amici intanto lo leggono
    E ognuno legge e pensa:
    " E questo è un altro funerale!
    Come fai a non andarci! Ci devi andare. Per convenienza! "

    E allora voi pigliereste
    un carro di prima classe...
    fiori, carrozze, preti...
    camerieri con tuba e marsina...

    E l'impiccio in questo vicolo?
    E la folla che si raduna?
    E gli amici che si stufano:
    " Che Dio! Si è detto alle undici e adesso è l'una!

    E che modi! È inutile,
    chi è scocciatore, muore
    scocciandoti fino all'ultimo,
    se no te lo scordi che era scocciatore! "

    E se un amico, in lacrime,
    sulla composta bara,
    ti fa l'elogio funebre?
    Poveri morti tuoi! chi li mette al riparo?

    E se incomincia a piovere
    mentre si muove il carro?
    Madonna quei preti!
    Gesù quei compagni col catarro!

    Quando muoio io, che il medico
    stenda l'atto di morte,
    e... non fate chiudere
    manco il mezzo portone dal portiere!

    Se mi volete piangere,
    un quarto d'ora e basta.
    Che m'atterrate alle undici?
    Salute e bene! Alle due... buttate la pasta.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Domenico De Rosa

      'A paura mia

      Tengo nemice? Faccio'o paro e sparo...
      'E ttengo mente e dico: "Stongo ccà!"
      E nun tremmo si sent''e dì: "Te sparo!"
      Chillo c''o ddice, '0 ddice, nun'0 ffà.
      Si è p''o buciardo, nun me movo, aspetto.
      ('A buscia corre assaie, ma campa poco).
      'O vuò vedè? '0 canusce comm''o "sette",
      va pè parlà', se fa una lamp''e fuoco.
      'A calunnia? E chella è un venticello,
      dico vicin'a'o viento: "Nun sciuscià?"
      Quann'ha fatt''a sfucata vene'o bello,
      allor'accuminciamm'a raggiunà.
      E manco'a morte, si me tene mente,
      me fa paura. 'A morte è generale.
      Ll'uommene sò rumanze differente,
      ma tenen'una chiusa, unu finale.
      M'arrobbano? Arreduco mmiez''a via?...
      Ì fatico e addevento chillu stesso,
      ma, quanto voglio bene a mamma mia,
      a mme me fa paura sul''o fesso!

      TRADUZIONE (per quanto possibile, rispettosa del testo in napoletano):
      Ho nemici? Faccio il "pari e dispari",
      li tengo a mente e dico: "sto qua!"
      E non tremo se sento dire "ti sparo!"
      Colui che lo dice, lo dice ma non lo fa.
      Quanto al bugiardo, io non mi muovo, io aspetto.
      (La bugia corre molto, ma vive poco).
      Lo vuoi vedere? Lo riconosci come il "sette",
      appena fa per parlare, si fa rosso come una vampata di fuoco.
      La calunnia? E quella è un venticello,
      dico al vento: "non soffiare"?
      Quando ha finito di scatenarsi, viene il bel tempo,
      allora cominciamo a ragionare.
      E nemmeno la morte, se mi tiene a mente,
      mi fa paura. La morte è generale.
      Gli uomini sono romanzi differenti
      ma hanno una identica conclusione, un unico finale.
      Mi derubano? Mi riducono in mezzo ad una strada?
      Io lavoro e ridivento lo stesso di prima;
      ma, per quanto voglio bene a mamma mia,
      a me fa paura solo il fesso!
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di