Scritta da: C. De Padua Visconti

Sempre e ovunque

Ti amo sempre e ovunque.
In queste notti piovose
scorri nei pensieri,
si posano sul mio
petto
come leggiadre piume
mi solleticano l'anima.
Ti amo nel silenzio
della notte
in un pianto di mestizia
in un sorriso forzato,
supino tra lenzuola
sfatte del mio letto
orfano del tuo
corpo,
ti amo
mentre remo
contro venti
di sfortuna,
un giorno
tra calme acque
attraccheremo
le anime nostre!
Composta martedì 15 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. De Padua Visconti

    T'aspettero'

    Insaziabile anima
    È la mia
    Geme
    La tua
    Lontananza.
    Con te
    Il tempo
    Era vita,
    assuefatto
    al nostro amore
    lo rimembro
    di ricordi
    il tuo profumo
    sul petto mio
    la tua bocca
    che io
    sposavo
    le tue
    leggiadri mani
    che io incrociavo.
    Colorerò
    I ricordi
    Con speranze
    E t'aspetterò
    Fissando
    Le orbite alle stelle
    Miriadi luci
    Ai nostri timidi
    Baci!
    T'Aspetterò
    Con occhi bendati
    Luce d'amore
    Non vedo
    L'anima tua
    È luce alla mia
    E dell'amor nostro
    L'ambita meta
    T'aspetto amore mio.

    Claudio-Visconti De Padua-©
    01/01/2013------ore 00: 05.
    Composta martedì 1 gennaio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. De Padua Visconti

      L'anno che passa

      L'anno che passa
      Frettolosamente
      Coi suoi affanni
      Le gioie,
      noi a rimembrar il tempo
      illusi,
      il tempo ricorderà noi!
      È come se ci scappasse
      Di mano
      Inutile afferrarlo
      Scivola
      Via
      Lontanissimo
      Chissà un giorno
      In un mondo diverso
      Questa dolorosa clessidra
      Si arresterà
      Lo scandire del suo
      Ticchettio un remoto
      Ricordo
      Forse un domani
      Il tempo
      Non avrà misura
      Ne dimensione, ne spazio.
      Forse un domani
      Il tempo
      Porrà fine alla sua
      Corsa!
      Composta domenica 30 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: C. De Padua Visconti

        La rosa morta

        In quella rosa
        che posi al tuo petto
        c'era il mio giuramento
        mai avrei osato
        pronunciare,
        un messaggio
        muto e poetico
        si celava
        in quei petali
        rossi come la passione,
        fragili come la speranza!
        In quella rosa
        il mio messaggio d'amore
        che mai morì
        c'era parte di me
        dell'anima mia
        che t'affidai
        e tu invece
        l'abbandonasti
        su un ignoto destino!
        Composta martedì 18 dicembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di