Scritta da: C. De Padua Visconti

Oh fato meschino lasciami morire senza dolore!

Nacqui in festa benché languente,
crebbi in braccia gaie,
in feste e sorrisi,
mentre il mondo
celava il dolore
con la sua morte
e la sua sorte!
Son venuto io in
questo lampo di vita?
No! Fui il frutto
di un amore
nato da un dolore
tramutato
in amore!
Dimmi mio destino
perché laceri
il mio cuore
oggi che sono adulto?
Un giorno
io dovrò
abbandonare questa terra,
ma fato meschino
accogli l'ultima istanza
della mia disperazione:
lasciami morire
senza dolore!
Composta mercoledì 1 marzo 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. De Padua Visconti

    Incontro o riscontro?

    Osai guardarla
    come si osserva
    un alba col sole
    che splende sul mare,
    i suoi occhi
    come luce
    di raggi
    filtrati in acque azzurre,
    il suo sguardo mite
    produceva tempesta,
    vi era scompiglio
    nell'anima mia!
    Scrutai in attimi
    tanta beltà,
    e mi sentii
    ugualmente
    scoperto
    letto
    vissuto
    quegli occhi
    che avevo appena visto
    mi conoscevano
    m'interrogavano
    denudavano
    tutti i miei più
    intimi segreti!
    In lei vi era deposta
    la mia storia
    la mia vita
    custodita
    e scolpita nel suo cuore
    lei era in me
    ed io ero in lei
    benché fosse
    un incontro
    in realtà
    era misteriosamente
    un riscontro!
    Composta mercoledì 28 dicembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. De Padua Visconti

      L'amore in letargo

      È l'inverno
      nel cuore mio
      rassegnarmi al
      pensiero che sei via!
      Non sono le mani
      a gelare, nemmeno le gote
      son rosse, le pallide mani
      che tremano dal freddo
      della tua distanza
      io non riscaldo!
      Cosa indosserò ora
      per scaldare il mio
      petto, nulla può
      se non la tua pelle
      sulla mia pelle,
      tu fonte di calore
      lo senti il cuore mio
      assiderato?
      Sole all'anima mia
      sei, osservo nei miei
      ricordi il tuo viso
      sembrano raggi di calore
      affievolire il mio corpo!
      Attendo il tuo ritorno
      mentre l'amore è in letargo
      io fuggo in un sogno!
      Ti amo!
      Composta giovedì 1 dicembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di