Poesie inserite da jassamin

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: jassamin
Threads of smoke fill up my room and so do my thoughts too,
chasing one another, longing hard for you;
vain is my desire, I know you can't be me next to,
and it comes to nothing, just like the first do;
only brings it questions, that is what I see,
questions which the answers aren't up to me.
Pictures from the walls cry out happy we were, dear,
take me your smell back, honey, craving for you here,
shadows of the past flutter all around,
nothing but the silence makes it hear its sound,
filling room all over, speaking loud of you,
cigarette is off now... threads of smoke are too,
only a thing's not ending: steady thought of You.

Anelli di fumo insieme ai miei pensieri,
riempiono la stanza si rincorrono l'un l'altro,
mentre ti desidero da morire;
So che si tratta di un desiderio vano,
tu non puoi essermi accanto,
desiderio che porta a nulla,
si perde nel fumo proprio come fanno gli anelli;
conduce solo a domande
, per le quali non ho risposte,
questo è quanto capisco.
Le foto dai muri urlano di quanto eravamo felici, tesoro,
mi riportano il tuo profumo, amore,
mentre bramo di averti qui...
aleggiano ovunque le ombre del passato,
l'unica voce è quella del silenzio,
che riempie la stanza, parlandomi di te a gran voce,
la sigaretta è finita... gli anelli di fumo di conseguenza,
solo una cosa è destinata a non avere fine:
il pensiero costante di te.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: jassamin
    Emptiness, loneliness, falling them apart,
    cast bad thoughts away, squeezing you on my heart;
    all that disappear in a very little while,
    falling as a victim to the witchery of your smile.
    Ruling then my heartbeat with the gentle of your touch,
    fondling me with glances, sweet effusions to warm up,
    nothing can relieve me such as loving you so much.
    Loving and being loved by you, guides my paces all so far,
    standing near or not to you, as my kindly lucky star;
    only you can reach me inside, through the very depth of me,
    urging to rejoice my Soul, making it bright shine,
    sweeping all the clouds away just a very silver line.

    Stringerti al cuore è mettere da parte vuoto e solitudine,
    gettare via brutti pensieri;
    tutto scompare immediatamente,
    cado vittima della magia del tuo sorriso.
    Poi con la delicatezza dei tuoi gesti
    regoli il battito del mio cuore,
    i tuoi sguardi mi carezzano,
    le dolci effusioni riscaldano,
    niente riesce a sollevarmi come amarti così tanto.
    Amarti ed essere amata da te,
    guida i miei passi da sempre,
    che tu mi sia vicino o meno,
    a mò di stella cometa;
    soltanto tu sei in grado di raggiungermi dentro,
    davvero nel profondo di me,
    per stimolare la mia anima a gioire,
    a farla brillare vivida,
    spazzando via tutte le amarezze,
    proprio come "la quiete dopo la tempesta."
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: jassamin

      Che ti abita dentro

      Che unisce, separa, illumina e oscura
      che è gioia e tormento, coraggio e paura;
      che è gemiti e risa, lenisce le pene,
      ammala e guarisce, che squarcia le vene;
      più ardente del sole e salato di sale,
      da farti star bene anche quando fa male;
      che ti abita dentro, profondo t'invade,
      dà vita o ti uccide, poi lento risale,
      potente veleno, più amaro del fiele,
      che è subdola droga, più dolce del miele;
      che irrompe, qual lampo...
      poi tuono che spacca,
      che stride, che spiazza, stordisce che fiacca,
      che urla in silenzio, che a freddo ferisce...
      poi subito fiamma che scalda e consola,
      un gelido fuoco che ha ali e che vola...

      e libero s'alza e ampissimo e puro,
      né spazi né tempi... non ha più confini,
      né regole astruse, sol quelle del Cuore,
      di questo e non d'altro... è fatto l'Amore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: jassamin

        Foglie nel Vento

        Viali infiniti di noti percorsi,
        urla il silenzio, violento, il richiamo
        al nostro vissuto, a ciò che eravamo
        e mentre tu quasi mi sfiori la mano...
        foglie che il vento trascina lontano,

        lontano ove albergan celati pensieri,
        laddove, a dispetto di spazio e di tempo,
        di questi due grigi e tediosi "signori",
        diviene possibile all'oggi esser ieri.

        Le seguo, leggère, tracciar mulinelli,
        vivaci, a me insieme, mi sembra or gioiscano,
        e sì come danza, lor gaio fluire,
        s'intona e rievoca istanti più belli...
        di sguardi, carezze, di dolci effusioni
        mi rendono, intatte, intense emozioni.

        Ma ecco che virano con far repentino,
        in vortice s'alzano e cambiano rotta...
        e il loro violento, mutato cammino,
        ben meglio or racconta memorie di "lotta"...
        che breve, ma aspra, mieteva litigio,
        litigio che, sì come chi è innamorato ben sa,
        di coccole postume, più spesso, è presagio!

        Ma il vento ora cessa e interrompe quel volo
        e loro giù, rapide, si schiantano al suolo,
        al suolo ove giacciono, insieme à pensieri,
        che all'oggi riedono mentr'erano a ieri.

        Così tutto tace... si è rotto l'incanto,
        non odo più il vento e riprendo il cammino,
        dei grigi "signori," tornatimi a fianco,
        il quèrulo suono scandisce il destino.

        Per viali infiniti di noti percorsi,
        sperando del vento riudir soave voce,
        ché foglie ridesti spezzando il silenzio,
        che, ancora e più forte, ora urla il richiamo...
        al nostro vissuto, a ciò che eravamo.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: jassamin

          Ai Genitori

          Nel giorno che tutti, lontani e vicini,
          festosi, al gran desco ci vede riuniti,
          il cuore sussulta, la mente obbedisce e...
          subito s'alza, librando leggero...
          a Voi corre indomito e grato un pensiero!

          a Voi alberi eterni, Voi nostre radici,
          che dopo averci donato la Vita,
          spendeste la vostra a lottare per noi,
          e quanta fatica e che sacrifici!
          per crescerci sani, vederci felici...
          ché a noi fosse chiaro e spianato il cammino,
          per rendere "unico" il nostro destino...

          Come in vita per Voi, non fu mai nulla primo
          al desìo di donarci le cose più belle,
          così ora per noi, nostra più grande spème,
          è pensare che Voi, ritrovativi insieme,
          lassù in alto brilliate... come fulgide Stelle...
          nuovamente vicini l'un l'altro, gioiosi,
          perché sulla morte l'Amore ha trionfato,
          stretti stretti nel braccio del lieto riposo
          che ora, qual coltre, vi avvolge beato.

          Queste quattro parole dettate dal cuore,
          diventino coro di mille e più voci
          che forte, con gaudio, vi giunge e vi dice
          di tutto l'affetto che a Voi rivolgiamo,
          di quanto sarete per sempre presenti,
          di quanto, d'Amore infinito, Vi Amiamo!
          Composta venerdì 5 dicembre 2014
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di