Poesie inserite da Antonio Oliani

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Antonio Oliani
Ho sognato di avere le ali
ma piano staccandosi si posavano al suolo
ed io disperato, rincorrevo i giorni
di quando ancora le avevo.
Poi una mano strinse la mia
eri tu e non ti avevo mai incontrato.
Ma eri già mia ancora prima di esserci
e con le tue mi, hai portato via a riparare le mie,
ed insieme cademmo in un tempo fuori dai giochi
del mondo dove colori si formano dal niente.
Perché a volte i sogni
nascono prima di essere veri
e lo diventano come averti incontrato.
Composta giovedì 26 dicembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Oliani

    il ring

    A volte sento il respiro facilmente che scorre
    altre volte improvvisamente
    mi manca in un attimo.
    Dipende da cosa penso
    dipende da cosa guardo.
    potenzialmente avremo il necessario
    per stare bene su diversi pianeti come la terra
    un fiore meraviglioso e multicolore
    ma siamo sbattuti l'uno contro l'altro
    come in un ring costruito
    appositamente dove studiano
    i guadagni migliori del momento
    e ci lasciano in mezzo a sbranarci per poche briciole
    per pagliuzze colorate d'oro che non servono a nulla.
    Dipende da cosa penso, dicevo,
    e da cosa guardo,
    il mio respiro è collegato alla mia voglia di vivere in modo decente
    e cerco nonostante le difficoltà,
    le persone ancora semplici
    le persone strane ma vere
    le persone vive
    che ti sanno dare ancora qualcosa d'umano
    persone che in un modo
    o nell'altro sono ancora
    ai bordi o fuori dal ring.
    Composta martedì 24 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Oliani

      fantasie per pane

      Sole irriverente, luna compiacente, stelle puntigliose cieli perturbati
      colori pastellati e suoni penetranti, foreste forti come tempeste,
      praterie verdi come sogni mai infranti, lacrime verticali
      che cadono su passioni orizzontali e fantasia per pane
      per i poveri e gli strani.
      Tutto questo è vita ma è un gioco che cambia
      come cambia il mondo, in questo girotondo
      riuscire a starci dentro per non perdere il momento,
      riuscire a dare agli altri per avere il cuore ricco
      e non cadere in basso dalle altezze più profonde,
      imparando anche a stare a galla
      dove spesso non c'è il fondo,
      ed in fondo a partire dal fondo,
      puoi solo risalire
      o gettare tutto quello
      che ti stanca d'incontrare.
      Composta martedì 24 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di