Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da quasimodo

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: quasimodo

Drynska

A te, che da lassù continui a vegliare su di me.
A te, che, con dolce prepotenza, sei parte di me e vivi con me.
A te, che, attraverso silenzi, segni, ricordi, attimi, parole, sguardi,
lacrime, rendi questo mio cuore proiezione del tuo.
A te, che nonostante ogni luogo, ogni tempo, ogni spazio, continui ad essere.
A te, che con tenera violenza mi spingi a continuare a guardare in faccia a questa vita e a darle un senso anche senza il tuo essere qui, ora.
A te, che sei che continuerai a essere qui con me.
Osservo questo cielo sopra di noi e so che tu, per me, stai sorridendo alle stelle, alla luna, al sole e al mio cuore dolorante.
Guardo lassù e sento la tua carezzan e ti stringo a me, con rabbia ed amore.
Non lasciarmi.
Fa' che io ti senta sempre in me.
Fà che io viva per te per
me e per quanti ti vogliono bene.
Vola... e non lasciarmi mai.
Composta domenica 9 settembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: quasimodo
    Mi prende una strana sensazione, mi prende che ultimamente invadi i miei pensieri, anche se ti conosco come un uccellino guarda il mondo la prima volta, ho paura a camminare sui rami del tuo cuore, non sono mai riuscito a volare, ho provato a camminare su molti rami, ma mi hanno sempre fatto cadere, mi sono sempre fidato e dicevo, ora posso volare tranquillo, perché ero convinto che avrei potuto reggermi a quei rami e che non mi avrebbero mai fatto cadere, invece eccomi qui, spaventato e deluso, ora che guardo te negli occhi mi sento terrorizzato, vorrei conoscere il tuo mondo per entrarci dentro, perché il mio ora mi fa schifo, vedere i tuoi occhi che brillano alla luce del sole, e scoprire, giorno per giorno, la tua anima, bella, pulita e profumata, vorrei riuscire a camminare ancora su un bellissimo ramo, ma ho paura che la storia si ripeta ancora, dammi il coraggio, la forza di far tornare le mie ali e aprirle senza il terrore di cadere giù, fai di me quell'uccellino che finalmente impara a volare, e che non ha più paura di ritornare sul ramo del cuore che più lo affascina!
    Vota la poesia: Commenta