Poesie inserite da Angelo Vozzella

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Angelo Vozzella

Dedica

Alla partigiana Lisa,
ad una che odia l'indifferenza
e fa la differenza...
Nella lotta, nella vita,
in una storia che spero non sia mai finita.
Sa bene da che parte stare
e non conosce zona franca.
E non si stanca
non è mai doma
Anche una panca
Può esser sua dimora
Mentre divora
Ogni soffio vitale,
o scende o risale,
o è terra o mare,
o è volo o è roccia,
o è fuoco o sorgente,
o è sola o è la gente.
Forse non c'è bisogno di chi si prenda cura
Di un essere dagli occhi di ogni sfumatura
Viso asciutto e sguardo forte
Con un mare di pianto dietro le sue porte,
onde di rabbia e di stupore,
di gioia e di dolore.
Alla partigiana Lisa,
che se sente odio è mosso d'amore,
che anche il rancore è una ferita del suo cuore.
E nel rosso della sua bandiera, anch'io trovo calore.
Composta lunedì 6 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Angelo Vozzella

    Burn (poesia in lingua napoletana)

    Chiammalo desiderio, chiammalo passione...
    ... chissà addò pruven tutt chistu calore,
    na miccia ind'a n'istant è già nu fucarone.
    Sarann chesti man, sarrann l'uocchi'e fuoco,
    pigliamml pazziann, fors sarrà nu gioco...
    ma chiù ce penz e penz a sta vucchella docie
    ca chiù me sento fort ca arind già me cocie.
    Nu fuoco 'e paglia? Fumm'e nient'arrust?
    Io chiù te sto vicin e chiù ce prov gust!
    Nun penz già a dimane, nun penz che sarrà,
    me stong zitt e aspett... fors tu pass'a cà!
    Dint'a st'infern 'a luce... dint'a sti fiamm 'o ben
    speranno sultant ca cu me tu si sincer.
    T'a legg o nun t'a legg sta strof chien'e ammor?
    T'a legg pur si fors tu pienz "nun è l'or"...
    Ma comm'è ardente 'o fuoco, ardente chiù d'aier...
    ... nun me dicite niente si nun chiamm'e pumpier!


    Un fuoco di paglia? Fumo e niente arrosto?
    Io più ti sto vicino e più ci provo gusto!
    Non penso già a domani, non penso a che sarà, resto zitto e aspetto, forse tu passi da qua.
    In quest'inferno la luce, in queste fiamme il bene,
    sperando soltanto che con me sei sincera.
    Te la leggo o no questa strofa piena d'amore? Te la leggo anche se pensi che forse non è l'ora.
    Ma come è ardente il fuoco, ardente più di ieri, non mi dite niente se non chiamo i pompieri.
    Composta giovedì 10 marzo 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di