Poesie inserite da ANGELIKA MORI

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: ANGELIKA MORI

Bambino solo

Lui piangeva:
Il suo cuore da bambino amava e perdeva.
Lui tremava:
La paura era più forte dei gemiti
Che nel cuscino affogava.
Non sentire voleva
Quei fragori della vita,
Che lo circondava senza affetto,
Ma nelle sere il vento della solitudine
Si tramutava lento
Nella sua voce;
Lei gli mancava!
Solo al buio rimaneva
In quel tetro degli anni, cresceva.
Chissà cosa pensava
Quando la individuava tra i vetri appannati,
Nella notte che il cielo riversava
O nei sorrisi falsi di chi lo ingannava,
Al rosso dei tramonti
Che il tempo aumentava.
Chissà come la vedeva,
Nei suoi sogni mentre la cingeva
E il suo cuore da bambino sperava
In un rientro che mai sopraggiungeva.
Cresceva e amava
Senza forza ormai di sperare,
Adulto diventa e solo rimane
Senza di lei cha tanto amava.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ANGELIKA MORI

    La pazza

    Ho visto una pazza
    andare in giro nuda
    mentre rideva di atei sorrisi;
    sfidava il fresco ottobre
    coperta solo delle sue vergogne.
    Goffe movenze,
    quasi abominevoli i capelli arruffati,
    come velli di gatti neri
    nati dalla bocca dell'inferno.
    Grassa la pazza,
    come chi non ha un solo giorno
    patito la fame.
    Ho visto la pazza
    correre allegra in piazza,
    dove straniera gente
    la guardava divertita
    mentre le sue braccia
    lasciava danzare in aria
    che parevano grosse bandiere chiare,
    flaccide senza vento giovane a pomparle,
    nel mare dell'età' che avanza.
    Ho visto la pazza correre,
    mentre camici candidi la inseguivano,
    prima di cadere,
    sullo scuro marciapiede,
    come un tronco spianato da un fulmine,
    o un peculiare, insolito volatile
    colto in volata da un tiro funesto.
    Ho udito la pazza
    supplicare pietà,
    perché la libertà era bella
    prima di assopirsi
    con un riso sedato sulle labbra,
    tra la gente che la accerchiava,
    ridacchiava e non capiva.

    Angela mori.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ANGELIKA MORI

      Creatura notturna

      Mi sfamo di baci razziati,
      Spogli d'enfasi,
      Insipidi baratti di possessi.
      Mi lascio come foglie,
      Portar via da passionali correnti,
      In un luogo senza spazio nel tempo,
      Nel rapido sentiero che convoglia,
      Alla sua gioia,
      Mentre non lindi commenti,
      Della gente,
      Non offrono al mio fegato fiele,
      Ma fluiscono addosso,
      Come temperata acqua d'occidente.
      Increspano le mie fronde
      Un tempo adornate di purezza,
      I vermi del peccato,
      L'esaltante accettazione del male,
      Unge ora la mia carne che sfavillava,
      Come scintilla di sole meridionale,
      E la gente ancor non crede,
      Che il mio cuore resta puro,
      in ogni caso puro,
      In ogni palpito puro,
      In ogni atto puro,
      Tra le strade della notte,
      Le decine di mani,
      Sono lecitamente quelle di uno sposo,
      I baci che puzzano di vino,
      Quelli del primo amore,
      I lemmi plebei e alteri,
      Sono canti da genitore.
      Chiudo gli occhi,
      L'avido affetto diviene ricompensa,
      Ma la gente asserisce e,
      Mi denomina "Maddalena".
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ANGELIKA MORI

        A te che amo tacendo

        Ti amo perché sai piangere,
        Dentro e fuori di te,
        Perché sei un sogno
        Che non muore all'alba
        E un pensiero che non si scalda
        Solo a meridione.
        Sei un inquieto sospiro
        Al rosso del crepuscolo,
        E una frenesia audace nell'oscurità,
        Prima che giunga il sonno.
        Ti amo perché sai sorridere,
        Eclissato nel silenzio
        Dei tuoi giorni.
        Tu sei potente e sei tenue,
        Solitario nell'eremo
        Che attorno a te hai costruito
        E la mia presenza verso te,
        È silente e assidua
        Come un'ombra che non chiede e ama.
        Me ne sto ad adorarti,
        Mentre la notte si consuma
        Sul tuo volto,
        Che non vedo ma sfioro,
        Con un bacio e una preghiera.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: ANGELIKA MORI

          Amore mio Infinito

          Infinito, incommensurabile, inesauribile,
          Questo amore,
          Come universo, cresce e si espande:,
          Dall'istante che la passione
          Fu al culmine e si assopì dopo un orgasmo,
          Non potevo considerare che già esistessi,
          Che tra la mia carne crescevi,
          Nel mio ventre ti nutrivi,
          Che il tuo cuore pulsava,
          Al ritmo del mio,
          Che ti plasmavi della mia stessa materia,
          Che spasimavi i miei dolori
          Ed esultavi le mie letizie.
          Infinita l'attesa di poterti stringere e cullare,
          Infinita la felicità del primo sguardo,
          Infinito sarà per sempre l'amore,
          Che per ho per te.
          Nove mesi dentro e poi,
          Per l'eternità infinita,
          Tu dentro il mio cuore,
          Tu nella mia mente,
          Nella mia anima, nella mia vita,
          Benedicendo ogni giorno il Cielo
          Per averti avuto.
          Tu per sempre, Amore Mio Infinito!
          Angela Mori.
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di