Scritta da: Dora

Caro papà

Caro papà che da lassù mi guardi
a te mi rivolgo quando sto male
come mai ho fatto quando stavi quaggiù
forse perché adesso so che vedi in me
quell'anima che nascondevo per paura
di sembrarti troppo debole
ma che traspare quando tu da una stella
osservi dentro di me
e leggi i miei pensieri
adesso che puoi farlo
Ti auguro per questa festa
in cui non ci sarai
che il tuo ricordo
rimanga sempre in me
finché sarò del mondo
e quando da te verrò
potrò di nuovo dirti:
Ti voglio bene!
Vota la poesia:9.00 in un voto

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti