Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marcela Alejandra
in Poesie (Poesie personali)

Quando il silenzio diventa grido

Labbra serrate arrestano parole
Il mio sguardo è distaccato e perso nella distanza
intanto che lacrime scivolano sul viso lente e sole
Senza che tu gli dia la giusta importanza.

Inerme sei, seduto dall'altro lato della stanza.
La tua bocca verbo non proferisce.
Da lontano mi osservi quasi con riluttanza,
Mentre insidiosa la tua indifferenza il mio animo ferisce.

I tuoi occhi la tristezza nei miei ora non leggono,
le tue orecchie nella quiete il mio cuore non odono,
eppure in questo silenzio funebre esso al tuo non smette di gridare,
come mai non lo senti al tuo amore invocare!

Non cessa di supplicare, scongiurare, implorare;
pregare per un tuo gesto di tenerezza...
laddove pensieri malsani la mia mente continuano a torturare
provando a capire dov'è finita la tua antica dolcezza.

Ascolta questo mio grido esasperato,
e spazza via da me questo dolore esagerato!
Cancella il mio tormento con infinita amorevolezza
e suggella un nuovo patto tra noi con una gradevole carezza.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio Belli
    in Poesie (Poesie personali)

    Quel dolce riparo...

    Un gesto repentino, persiane spalancate,
    un'onda di luce invade la stanza...
    il mattino accende le ombre della notte
    a scacciare sogni e coperte disperse.
    Odori ed essenze familiari,
    rassicurante percezione di gesti unici,
    così lontani dai fremiti di giorni infiniti,
    monotonia e alienazione dei nostri tempi.
    L'attesa di quel dolce riparo,
    ritorno bramato e inconscia smania
    di ricongiungersi nel momento in cui,
    nell'aria di casa,
    riecheggia lo scoppiettio del focolare,
    eco di memorie e di recondite confessioni.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna D'Urso
      in Poesie (Poesie personali)

      Un bene grande

      Il volersi bene accompagnerà i nostri sogni fatti di realtà,
      sarà d'aiuto quando le gote sembreranno argini di fiume in piena,
      ci salverà dall'abisso che sta tra me e il volere me,
      ci sosterrà sull'orlo del precipizio dei giorni che non saranno giorni,
      fatti di silenzi, di incertezze, di innevate primavere, di sospiri nella notte,
      sarà talmente grande da proseguire da solo anche quando non ci saremo più...
      Composta martedì 17 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Manuela Dolfi
        in Poesie (Poesie personali)
        Conosco il bordo del pozzo nero,
        nel suo vortice mi porta il pensiero,
        amica notte liberami il cuore,
        gelo e vento rubatemi il calore.

        Sola in questo coraggioso momento,
        in cui solo disperazione sento
        che mi spinge con le sue dita
        a porre fine alla mia vita.

        Con la mente, anima e cuore
        inchiodati alla croce del dolore,
        sento già delle tenebre il canto,
        buio, oscurità avvolgetemi in manto.

        Chino la testa, abbandono le mani,
        non c'è tempo nel mio domani,
        in bilico sul dirupo oscuro
        per sfondare quest'ultimo muro.

        Sento freddo, il vento come lancia
        sul cuore si accanisce e non lo lascia.
        Dove sei perduta speranza?
        Dove sei gioia di amore in danza?

        Un pensiero squarcia il cielo
        cala timida una luce come velo.
        Chi sei sconosciuta mano
        che ti protrai verso me da lontano?

        Non importa chi tu sia,
        ora vedo un'altra via,
        Angelo dell'Amore dal volto dorato
        sei arrivato e mi hai salvato.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Manuela Dolfi
          in Poesie (Poesie personali)

          Sguardo

          Nel tuo sguardo cerco me
          e trovo il profondo di te,
          un universo che finir non vuole,
          un silenzio fatto di mille parole.

          Attraverso i tuoi occhi riesco ad entrare,
          il cuore e l'anima posso toccare,
          un passaggio verso il tuo mare
          dove con te vado a naufragare.

          Entro nel tuo mondo inesplorato,
          trovo luce, quella che mi ha salvato,
          trovo noi uniti in un sol sogno,
          trovo l'amore di cui abbiamo bisogno.

          Unisci la tua bocca alla mia
          in un unica soave sinfonia,
          baciami e fammi respirare
          tutta la tua voglia di amare.

          Tocca le mie mani ora Amore
          con me vola, unisci il cuore
          in un sol coro pensieri e mente
          fino a raggiungere il tutto e il niente.
          Vota la poesia: Commenta