Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Erika Torresetti
in Poesie (Poesie personali)

Solitudine

Solitudine di un'estate passata senza amici
solitudine appresa da soli nella propria stanza
solitudine nascosta nell'assenza
solitudine di capire la realtà con gli amici.

Silenzio della tristezza, dell'amore e della solitudine
silenzio d'intravedere i suoi sentimenti
silenzio di scoprire i tradimenti
silenzio di capire, comprendere, leggere l'inquietudine.

Sentirsi soli per due giorni sopra l'incudine
sentirsi trafitti dal dolore dell'amicizia, dell'amore e del rancore
sentirsi rosi dalla ruggine di questa solitudine che pervade il tuo

corpo fino alla morte lenta, lenta, lenta.
Assenza di un'amore surreale, irreale, immorale
assenza di noi due in quella stanza dove la musica scorre lenta.
Composta lunedì 10 agosto 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GIUSEPPE CASSANO
    in Poesie (Poesie personali)

    Canto

    Canto lo splendore dei tuoi occhi alla luna
    no, non alzarti
    non spiare dalle persiane
    - se conosci questa voce -
    è quella che si ferma in gola
    e m'ammutisce
    mentre il cuore impazzisce
    se ti sono davanti.

    Questa notte
    respiro il tuo profumo ancora nella stanza
    tutta l'essenza della tua assenza
    canto lo splendore dei tuoi occhi alla Luna
    ululo
    - lupo solitario innamorato -
    se t'affacci al balcone
    sarò meno stonato.
    Composta lunedì 10 agosto 2009
    Vota la poesia: Commenta
      in Poesie (Poesie personali)
      La stanza della mia mente nella quale mi ritrovo,
      ricordo che è stata la mia culla,
      è stata la mia casa, a volte la mia speranza domani chissà...

      e in fondo è sempre quì che mi sono ritrovato
      dopo una lunga corsa affannata ad inseguire il vento,
      nei miei occhi accecati dal miraggio...
      non è rimasto neanche un raggio di quel sole
      che un giorno mi ha scaldato
      e la notte è nel mio cuore...

      eppure è vita la mia vita,
      ed è fatta di parole,
      di frasi, di sguardi, di gioia o lacrime,
      di lunghi interminabili silenzi
      e di lunghi interminabili discorsi,
      e se ci penso sopra ho riso qualche volta,
      non tanto come avrei dovuto o forse troppo,
      per cose che non mi sono mai sforzato di capire,
      perché non c'era tempo, non c'era voglia, non c'era speranza...

      ma ho avuto sogni anch'io,
      che mi sono sfuggiti dalle mani,
      e sono stato negli occhi di qualcuno forse...
      che io non ho guardato,

      e mi sono rifugiato di nuovo in questa stanza,
      dove ogni cosa è mia,

      anche se è solo tempesta,
      che scivola tra le mani...
      ma qui io posso dormire,
      stanco, sfinito...
      o fermarmi,
      o aspettare cose che non vedrò mai,
      dove solo le mie parole
      fanno eco nel silenzio,
      dove il niente è tutto per me,
      e il mio tutto...
      ed è il niente per il mondo,

      qui,
      in questa stanza, dove io sono io...
      che è stata la mia culla,
      è la mia casa,
      domani...
      chissà... cosa sarà...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marvin
        in Poesie (Poesie personali)

        Ricordi

        Tumulto di parole assillate da stretti pensieri
        Nettare di vita che affligge corpo e anima
        Con il cuore sparpagliato tra fantasia e realtà
        La, dove non c'è spazio non c'è tempo
        La, dove non c'è spiegazione a tutto questo
        La, dove non posso chiamarti ne tanto meno sentirti
        Ma posso solo pensarti tra le scogliere del mio passato
        Avvolta dal silenzio delle antiche rovine dei miei ricordi...
        Composta domenica 9 agosto 2009
        Vota la poesia: Commenta