Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie generazionali


Scritta da: Gabriele Bozzi
in Poesie (Poesie generazionali)

Luna

Oh Luna come sei bella quando appari magnificamente alla terra. Ti mostri con tutto il tuo splendore per poi celarti dietro un leggero tappeto di delicate nuvole. Splendente ti specchi nel tenebroso mare, stregando i malinconici cuori. Delicata come una piuma ti rendi protagonista della nera notte, facendo danzare tutti gli astri del ciel attorno al tuo candido volto, svanendo improvvisamente nel chiarore del mattino.
Composta giovedì 9 febbraio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Asianne Merisi
    in Poesie (Poesie generazionali)
    Ero di gioia vestito
    tra le carezze che sapevano di marmellata...
    E il soave canto di quella madre che tu mi hai rubato
    Ero sorriso tra le parole piccole e quelle incantate
    E nulla mi sfiorava se non la spensieratezza della mia piccola era
    Quanto colorato era il mio mondo, lontano dal puzzo acre che veniva da lontano, dove la pelle e le ossa dei miei simili bruciavano in stanze anguste
    Ero una continua corsa su campi fra gocce di sole e spruzzi di vento
    E non avevo ancora provato il sapore della fame e le nudità della mia pelle tra tanti corpi
    Io creatura senza peccato perché nulla di quello che ero era peccato
    Oscurasti il mio nome
    Per marchiare sulla mia pelle numero in fila
    E mi regalasti campi di filo spinato su terra bagnata
    Dove i miei scalzi piedi giacevano
    Ora io sono un ricordo da non scordare
    Un dolore da non provare
    Un pianto che ha versato
    una colpa che non avevo
    Per il tuo vile reato
    Che tu... Hai recato!

    #oltre.
    Composta venerdì 27 gennaio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Edmea
      in Poesie (Poesie generazionali)

      Se n'è andato

      Un uomo se n'è andato.
      La vita su questa terra ha lasciato.
      Un padre la vita ha salutato.
      In silenzio e onestà ha vissuto.
      Non era un eroe, né con clamore ha vissuto, né l'ambizione ha inseguito, ma in punta di piedi se n'è andato.
      Alla morte ha pensato negli ultimi momenti di vita, ma forse non ci ha creduto, finché la morte non lo ha visitato.
      Era un uomo qualunque, non un eroe.
      Un uomo che ha vissuto la sua vita senza nessun clamore e con sofferenza.
      Un giusto che ha creduto nella giustizia e questo lo ha reso un eroe.
      Composta martedì 7 febbraio 2017
      Vota la poesia: Commenta