Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie anonime migliori


in Poesie (Poesie anonime)

Mia madre

Ricordo quel giorno in cui sono partito,
solo adesso ho capito che là ti ho perduto.
Conto i giorni che ho passato senza di te
in questo paese che adesso vedo triste come me,
ti ho lasciato piangendo seduta in una sedia
senza pensare che stavo andando in una gabbia,
il tempo è passato senza pensare
che mi sarebbe piaciuto vederti invecchiare.
In questo passato avrei voluto starti più vicino
per farmi abbracciare, baciare, e tenerti la mano,
le stesse mani che quando ero bambino
dal freddo mi coprivano, e dalle malattie mi curavano.
Non esistono parole per raccontare la lontananza
di una mamma che vive con la stessa speranza.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ishak Alioui
    in Poesie (Poesie anonime)
    Ci sono momenti nella vita
    che non vuoi dimenticare,
    altri che non vorresti lasciar andare,
    ma non una vita tanto lunga
    la memoria non si prolunga.
    Cogli l'attimo importante
    e quello poco rilevante,
    cogli di tutto un po' di tutto
    anche quando hai rimosso con lo stucco,
    e se poi avanza qualcosa
    metti il pensiero che nessuno osa.
    Anche se stupido o imbarazzante,
    se per te quel momento è importante
    sarà di certo rilevante.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosy Zangala
      in Poesie (Poesie anonime)
      È un clown,
      dal viso coperto di cerone bianco,
      una bocca vermiglia in un sorriso aperto e franco,
      un naso grande, grosso, rosso ciliegia,
      un informe vestito variopinto di cui si fregia.
      Questo il suo aspetto,
      ma quel ch'è strano
      nessuno s'accorge del suo cuore umano.
      Scherzi, frizzi, capitomboli e lazzi
      per far ridere tutti... nonni e ragazzi:
      ma il suo cuore è triste...
      lui dona amore
      ma nessuno lo vuole ricambiare.
      "Son qui" par che dica
      "questo è il cuor mio...
      ma ho bisogno di amore anch'io"
      nessun l'ascolta...
      il clown di lacrime ha coperto il viso
      nascoste dalla maschera e da quel sorriso...
      a lui son richieste sol capriole,
      ilarità, sberleffi sotto il riflettore...
      questo è il clown,
      e questo il suo cuore,
      spera sempre che ad ogni spettacolo fiorisca l'amore...
      La musica sale... la rappresentazione deve iniziare...
      va vecchio romantico clown
      e continua a sognare.
      Vota la poesia: Commenta