Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: Roberta Bugnotto

Sensazioni

Ascolta nel silenzio, le voci che lo frantumano.
Leggi dentro di te, quello che c'è scritto.
Parla con la voce del tuo cuore,
con la saggezza della tua anima.
Il tuo corpo, muovilo al ritmo delle tue sensazioni,
non trattenere niente di quello che provi.
Liberai tuoi sospiri, parla con loro,
non aver paura della natura, non vergognartene.
Ama come meglio sai amare.
Piangi, lascia che le lacrime t'accarezzino,
ascoltane il loro dolore, la loro gioia;
cerca di capire le tue sensazioni, il tuo corpo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Roberta Bugnotto

    Fine o inizio?

    Appoggia la tua testa, sulla mia spalla,
    non aver paura, non tremare.
    Sei seduta sulle mie ginocchia,
    ti tengo fra le mie braccia.
    Ricordi quando eri bambina?
    Quanto tempo è passato? Poco, tanto?
    I tuoi occhi hanno visto tante cose,
    ora sono stanchi, lasciali chiudere...
    comincia a sognare quello che vuoi.
    Sei fra le mie braccia, dormi...
    non aver paura che i tuoi occhi si chiudano,
    non aver paura del buio, forse c'è una luce...
    oppure solo il buio.
    Lascia che il tuo corpo si rilassi, liberati dai tuoi pensieri...
    ora finalmente saprai...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Barbara Pelosi

      Il temporale

      Un tuono rimbomba l'annuncio improvviso
      del manto di nubi che avanza deciso
      e copre l'azzurro di cupo grigiore,
      saettano i lampi, ne esplode il fragore.

      Il vento si alza e piega le fronde,
      solleva ululando la sabbia e le onde.
      Ed ecco la pioggia, intensa, copiosa,
      ritmato frastuono che bagna ogni cosa,
      i campi, le strade, le case, le messi,
      tutto si ferma in attesa che cessi.

      Poi, come è iniziato, tutto finisce,
      il vento si placa, la pioggia esaurisce.
      Torna alla quiete la volta del cielo,
      i cumuli e i nembi dissolvono il velo.
      Riaffiora l'azzurro, ritorna il sereno
      e il sole si specchia nell'arcobaleno.
      Composta mercoledì 1 febbraio 2017
      Vota la poesia: Commenta

        Immenso essere

        Tal immenso essere,
        dal finito nome
        e dall'infinito significato.

        Essere infinitamente grande
        pervaso dal senso di limitatezza
        del suo finito nome.

        Qual nome descrive l'immenso?
        Alcuna parola concepisce l'infinito,
        poiché delimitata dal suo essere.

        O essere, in quante forme esisti?
        Distruggi ciò che crei,
        crei ciò che distruggi.

        Illimitato essere cosa sei?
        Sei come il vuoto dell'universo,
        oppure come il pieno della vita?

        Non so descrivere la tua immensità,
        ma mi limito a dir il tuo limitato nome,
        amore.
        Composta giovedì 2 febbraio 2017
        Vota la poesia: Commenta