Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: DVD
Si alzano
E si abbassano
Si alzano
E si abbassano

Le onde di questo mare
Che ti sanno trasportare

Le onde di questo mare
Dove verso il futuro tuo
stai a viaggiare

Su questa barca pintata bianca
Che anche lei del viaggio è stanca
Dalla sala comando
Pacato stai guardando
... le onde

Si alzano
E si abbassano
Si alzano
E si abbassano.
Composta sabato 28 gennaio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Tenebrosa notte

    Nella tenebrosa notte fredda
    il vento sibila tra monti e foreste
    scuotendo i rami spogli e gli abeti pieni di neve

    soffia la tramontana, senza avere pietà di nessuno
    un passero infreddolito, spilucca molliche al buio
    sul davanzale della mia finestra,

    l'orso dorme nella sua misteriosa tana,
    il lupo sembra godere della solitudine invernale
    i suoi occhi profondi, osservano il cielo che scintilla

    dall'alto le stelle osservano la terra
    mentre i miei occhi si chiudono
    cullati dal silenzio dell'inverno

    rotto solo dal cupo e forte sibilo del vento.
    Composta domenica 5 febbraio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Inverno

      Rabbioso il vento di tramontana
      l'abete pare piegarsi al suo volere
      ma resiste alle sue frustate gelide

      spinge i vetri della finestra, i passeri cercano riparo
      sotto le vecchie tegole malferme, il cielo piange
      cristalli scintillanti, che svolazzano in aria

      tutto sembra senza tempo, in una dimensione arcaica
      l'inverno sprigiona tutto il suo fascino nascosto
      nonostante il buio e il freddo, l'armonia raggiunge il cielo

      come vibrazioni di intenso amore che accompagna
      la nostra vita presente, in ogni istante di questo
      fantastico, fiabesco, utopico, romanzesco

      inverno di ognuno di noi.
      Composta domenica 5 febbraio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Guerriero di Dio

        Cupo tramonto invernale, nel biancore della neve
        colline e monti velati bisbigliano note malinconiche
        che trafiggono anima circondano lo spirito e stringe il cuore,

        il crepitio del fuoco e la sua calda fiamma
        avvolge le mie mani e carezza il cuore
        di infinite sensazioni primordiali difficili da descrivere

        l'inverno entra dentro di noi e scava nella profondità
        brutalmente con spietatezza crudele, ma la nostra
        parte spirituale difende noi dall'angoscia nelle viscere

        devozione e amore verso Dio è la nostra salvezza
        l'ancora di salvataggio che difende dai nemici
        dell'anima e del corpo, siamo piu forti e padroni di noi stessi

        elevatezza, superiorità, nobiltà, bellezza,
        dignità, eccellenza, noi siamo la roccia
        che Dio desidera, per essere forti al suo fianco

        per essere un suo guerriero sulla terra.
        Composta domenica 5 febbraio 2017
        Vota la poesia: Commenta