Poesie


Scritta da: Mariacarmela Scotti

Se solo tu sapessi

Se solo tu sapessi che la paura
è un buon pretesto per festeggiare la tua assenza.
Se solo tu sapessi che sorridere
è un altro mio modo di piangere.
Se solo tu sapessi che amarti
è stata la cosa più bella della mia vita.
Se solo tu sapessi che se saprai starmi vicino,
io sarò sempre con te.
Se solo tu sapessi che sei sempre
l'unico pensiero che mi farà tremare il motivo.
Se solo tu sapessi che grazie ai tuoi sorrisi
ho dimenticato i miei momenti tristi.
Se solo tu sapessi che sei presente
in ogni parola, in ogni dolore,
in ogni mio sospiro, in tutti i miei sorrisi.
Se solo tu sapessi.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Monica Cannatella

    Non basta una rosa

    Non basta una rosa per cancellare
    oltre ogni alba tutto il dolore.
    Non è una rosa che ti farà dimenticare
    che ti hanno messa al rogo
    e lasciata bruciare.
    Non è regalandoti il fiore più bello
    che alleggeriranno il tuo pesante fardello.
    Hai subito per anni soprusi e violenze
    sempre vittima di maldicenze.
    Sei data in sposa ancora bambina
    si colgon la rosa e ti lascian la spina.
    C'è chi ti vende per pochi spicci
    chi prende in giro i tuoi poveri stracci.
    Poi ti regalano fiori e mimose
    ti ammazzan due volte con finte scuse.
    Non basta una rosa per chieder perdono
    Per ogni schiaffo che ti ha dato l'uomo.
    Nessun fiore ti potrà salvare da quel
    marciapiede dove ti costringono a lavorare.
    Non serve una rosa, non ci sono parole
    per chiederti scusa per ogni orrore.
    Anche il cielo si inchina, donna, al tuo cospetto
    solo l'uomo non ti ritiene degna di rispetto.
    Composta mercoledì 12 aprile 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giovanni Piscopo

      Il futuro

      Quando l'ipocrisia
      sovrasta gli animi
      dei giovani.
      Intrinsechi di cupidigia
      e di rivalità!
      Quando nel loro cuore,
      perdono la dignità;
      scalfita da una società
      non prodiga al bene di ognuno di loro.
      Un dispotismo arcano!
      I giovani sono il futuro;
      la gioia,
      la libertà,
      l'essere e il dare.
      Siamo noi quella bellezza
      di continuare a rialzare la china,
      di continuare anche nel momento
      che ci sentiamo sprofondare,
      dai sogni proibiti dalla società;
      fino a quel mondo
      che vorremmo conquistare.
      Un tempo migliore.
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di