Area Riservata

Filastrocche per bimbi


poesia postata da: Gianluca Cristadoro, in Poesie (Filastrocche)

Kryptikˇs

Se per sorte di saggezza il mio verbo non si intride,
sarÓ forse che null'altro nella mente mia si intrude.
E chissÓ ch'io mai risponda a chi l'voglia cotte o crude
che il mio animo s'Ŕ cheto, lo rimira e un poco irride!
Composta
sabato 30 agosto 2014
Dedica:
A chi ti chiede tutto e il suo contrario conviene forse replicare con soluzioni indecifrabili!


poesia postata da: Tap72, in Poesie (Filastrocche)

Il vecchino errante

C'era una volta un vecchino nano
non si sapeva da dove veniva
certo da molto lontano
questo solo si intuiva.

indossava un vestito
logoro e sciatto,
tutto sdrucito
come graffiato da un gatto.

Una lunga barba sul viso
e due baffi grossi,
su due due labbri rossi
fissi in un perenne riso.

A chi gli domandava
dove stesse andando,
nemmeno lo guardava
e rispondeva ansimando:

- che importa da dove vengo,
neppur dove vado Ŕ importante,
ma la strada che prendo,
anche se porta distante.

Mai diritta Ŕ la via
qualunque essa sia
ma in cuor tuo lo sai
e non ti fermerai.

Fin quando almeno
la certezza non avrai,
che il tuo posto sotto il terreno,
a breve coprirai.

solo allora il tuo pensiero
come un ape al fiore si poserÓ,
su cosa hai fatto davvero
solo per bontÓ.

Se sei stato sincero
in pace riposerai,
ma se hai agito per puro zelo,
mai ti perdonerai.

Poi riprendeva il suo cammino
per dove non si sapeva,
qualunque via del destino,
lui la percorreva.
Composta
giovedý 28 agosto 2014

poesia postata da: Gianluca Cristadoro, in Poesie (Filastrocche)

Una dedica...

A te che sei divino
A te che sai di vino
A te che sul divano
t'atteggi ad indovino
A te che svaghi vago
ricerchi su Trivago
A te che il nervo vago
ti duol leggendo un rigo
di questa filastrocca
che lirica non tocca
che vertici non tange
di sommi versi e piange.
A te che un po' impaziente
non te ne importa niente
di leggerne la fine.
A te che sei vacante
di ferie e non ne hai tante.
A te che sbocci adesso
A me che come un fesso
continuo e vado avanti
pregando anime e santi!
Composta
mercoledý 30 luglio 2014

poesia postata da: Gianluca Cristadoro, in Poesie (Filastrocche)

Il gattino ritrovato

Un gattino senza padrone
sotto un cespuglio pens˛ alle persone
con cui viveva fin' al giorno prima
ed ecco qui che faccio la rima.

Si ritrov˛ senza pi¨ casa
senza nessuno a cui fare le fusa.
Ma poi un gran pianto lo colse a sorpresa
finchÚ una cosa del tutto inattesa
avvenne un giorno
che la tristezza
tolse di torno
e gli diede gaiezza.

Un bel bambino venne a trovarlo.
Mi pare che il nome di lui fosse Carlo.
Si intenerý non poco alla vista
di quel gattino chiedendo all'autista
di prenderlo a bordo della limousine
brindando all'evento un allegro cin cin.

E fu cosý che quel gattino
ricominci˛ dal primo mattino
a far le fusa al suo nuovo padrone
dimenticando quelle altre persone.
Composta
sabato 26 luglio 2014
Dedica:
Dedicata ai bimbi e gli adulti di buon cuore che adottano gatti abbandonati.

poesia postata da: Gianluca Cristadoro, in Poesie (Filastrocche)

L'era dell'oro

All'era dell'oro
la lira era loro.
All'era dell'euro
la lira era loro.
Allora dall'ira
l'eroe con l'alloro
la lira con l'oro
a loro lev˛.
Ma loro la lira rivollero
e allora l'eroe
con l'alloro nÚ oro nÚ euro
pi¨ a casa trov˛.
Morale fu allora
che lira e che l'oro
tornarono a loro.
Lallira lallero
Lallira lallÓ.
Composta
domenica 6 luglio 2014