Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Carlo Romero

Per essere Grandi

Ogni giorno è unico ed irripetibile come te,
vivi intensamente il tuo presente, per avere dei bei ricordi in futuro.
Sii saggio nelle scelte che farai
e se commetterai degli errori,
abbi l'umiltà necessaria per riconoscerli
e l'intelligenza per imparare da essi.
Non dare ascolto al tuo orgoglio
quando è in contrasto con il buon senso.
Sii sempre ragionevole
ma laddove la ragione pone i suoi limiti
ascolta il tuo cuore e dagli voce.
Non fare tue le opinioni altrui
ma rifletti sempre con la tua testa,
solo così potrai essere veramente libero da ogni condizionamento.
Affronta con coraggio le avversità che la vita porrà sulla tua strada,
perché ognuna di esse contribuirà a renderti più forte.
Sii sempre un amico sincero
ma pretendi lo stesso da chi consideri tale.
Fai tue le gioie delle persone che ami
e sii affranto per il loro dolore.
Non dimenticare mai il tuo passato,
ma fai in modo che non sconfini nel presente,
compromettendoti il futuro.
Di sempre quello che pensi,
senza mai dimenticare quanto prezioso a volte sia il silenzio.
Se per amore soffrirai,
fai che il dolore non inaridisca il tuo cuore,
ma lo aiuti a comprendere,
i mille significati di questo nobile sentimento,
fino a quando imparerai a dare amore
a chi solo odio ha da donare,
e a regalare gioia
a chi ha il dolore scolpito sul viso.
Se riuscirai a fare tutto questo...
sarai davvero grande e da grande tu vivrai.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carlo Romero

    Mare

    Mare, io che immersi
    Il mio giovane corpo di uomo
    Nei tuoi ribollenti e spumeggianti flutti,
    io che udì la suadente tua voce, il tuo canto
    (col quale uomini di tutti i tempi e razze ispirasti ed ammaliasti)
    Che dalle ali del vento e dal fluir delle onde alle mie orecchie giunse.
    Tu che sei rimasto lo stesso,
    mentre tutto intorno a te scorrendo muta
    ti prego ridammi il vigore d'un tempo
    che la vita crudelmente dichiara inesorabilmente perduto.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Carlo Romero

      Figlio del mare

      Io che fui tuo figlio,
      nei tuoi profondi ed oscuri abissi concepito,
      dai tuoi eterni flussi e riflussi nato.
      Culla primordiale di vita tu fosti
      moto perpetuo del mondo,
      sua linfa, suo sangue.
      Per madre ebbi l'infinito turchino del cielo
      che con te ancora si sposa, in rinnovato amore,
      là dove lo sguardo si perde e si confonde
      in sognante incanto.
      Di fronte a te, o padre, ora mi ergo,
      dopo anni d'assenza
      e in rispettoso silenzio contemplo
      la tua maestosa ed eterna bellezza,
      che ancora una volta mi ricorda
      quanto vana sia la mia fugace
      ed incerta esistenza.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Carlo Romero

        Delusione

        Per tutte le parole che non ti ho mai detto
        e che avrei sempre voluto dirti,
        anche se già sapevo che con esse avrei potuto ferirti.
        Per tutti quei giorni passati ad ascoltarti,
        anche quando nulla avevi da dirmi.
        Per tutti quei silenzi che non hai saputo riempire,
        per quelle frasi che non mi hai mai detto
        e che avrei voluto sentire.
        Per tutte quelle piccole cose che non mi hai saputo donare,
        per quei semplici gesti che non hai saputo fare.
        Per tutti quei sorrisi che non mi hai regalato,
        per quegli sguardi con cui i tuoi occhi non mi hanno guardato,
        per le carezze di cui le tue mani mi hanno privato.
        E se tutto questo non dovesse ancora bastare,
        mi basterà di te ricordare,
        tutte le promesse che non hai mantenuto,
        tutte le attenzioni che da te non ho avuto.
        Tutte quelle foto che non vorrò più guardare,
        istantanee di istanti che non ho mai vissuto.
        Tutti quei bei ricordi che non potrò ricordare,
        perché con te niente è stato reale,
        sei stata soltanto una mera illusione,
        ed io da illuso e dal sentimento accecato,
        illudermi ho voluto, così ho continuato,
        ripetendomi che forse era quello il tuo unico modo di amare,
        fino a quando infine, triste e deluso,
        l'amara realtà ho dovuto accettare.
        Ma nonostante tutti quei dolci momenti che con te non ho avuto,
        nonostante tutto quel tempo che grazie a te ho perduto,
        eppure ti dico, in questo amore, per quanto strano, io, ci ho creduto.
        Vota la poesia: Commenta