Poesie di Wislawa Szymborska

Poetessa, saggista e traduttrice, premio nobel alla letteratura 1996, nato lunedì 2 luglio 1923 a Kórnik (Polonia), morto mercoledì 1 febbraio 2012 a Cracovia (Polonia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: circe

Foglietto illustrativo

Sono un tranquillante,
Agisco in casa,
funziono in ufficio,
affronto gli esami,
mi presento all'udienza,
incollo con cura le tazze rotte -
devi solo prendermi,
farmi sciogliere sotto la lingua,
devi solo mandarmi giù
con un sorso d'acqua.
So come trattare l'infelicità,
come sopportare una cattiva notizia,
ridurre l'ingiustizia,
rischiarare l'assenza di Dio,
scegliere un bel cappellino da lutto.
Che cosa aspetti -
fidati della pietà chimica.
Sei un uomo (una donna) ancora giovane,
dovresti sistemarti in qualche modo.
Chi ha detto che la vita va vissuta con coraggio?
Consegnami il tuo abisso -
lo imbottirò di sonno.
Mi sarai grato (grata) per la caduta in piedi.
Vendimi la tua anima.
Un altro acquirente non capiterà.
Un altro diavolo non c'è più.
Wislawa Szymborska
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: scheggia52

    Il gatto in un appartamento vuoto

    Morire - questo a un gatto non si fa.
    Perché cosa può fare un gatto
    in un appartamento vuoto?
    Arrampicarsi sulle pareti.
    Strofinarsi tra i mobili.
    Qui niente sembra cambiato,
    eppure tutto è mutato.
    Niente sembra spostato,
    eppure tutto è fuori posto.
    E la sera la lampada non brilla più.

    Si sentono passi sulle scale,
    ma non sono quelli.
    Anche la mano che mette il pesce nel piattino
    non è quella di prima.

    Qualcosa qui non comincia
    alla solita ora.
    Qualcosa qui non accade
    come dovrebbe.
    Qui c'era qualcuno, c'era
    poi d'un tratto è scomparso
    e si ostina a non esserci.

    In ogni armadio si è guardato.
    Sui ripiani si è corso.
    Sotto il tappeto si è controllato.
    Si è perfino infranto il divieto
    di sparpagliare le carte.
    Che altro si può fare.
    Aspettare e dormire.

    Che lui provi solo a tornare,
    che si faccia vedere.
    Imparerà allora
    che con un gatto così non si fa.
    Gli si andrà incontro
    come se proprio non se ne avesse voglia,
    pian pianino,
    su zampe molto offese.
    E all'inizio niente salti né squittii.
    Wislawa Szymborska
    Composta lunedì 13 febbraio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilena Aiello

      La gioia di scrivere

      Dove corre questa cerva scritta in un bosco scritto?
      Ad abbeverarsi ad un'acqua scritta
      che riflette il suo musetto come carta carbone?
      Perché alza la testa, sente forse qualcosa?
      Poggiata su esili zampe prese in prestito dalla verità,
      da sotto le mie dita rizza le orecchie.
      Silenzio - anche questa parola fruscia sulla carta
      e scosta
      i rami generati dalla parola "bosco".

      Sopra il foglio bianco si preparano al balzo
      lettere che possono mettersi male,
      un assedio di frasi
      che non lasceranno scampo.

      In una goccia d'inchiostro c'è una buona scorta
      di cacciatori con l'occhio al mirino,
      pronti a correr giù per la ripida penna,
      a circondare la cerva, a puntare.

      Dimenticano che la vita non è qui.
      Altre leggi, nero su bianco, vigono qui.
      Un batter d'occhio durerà quanto dico io,
      si lascerà dividere in piccole eternità
      piene di pallottole fermate in volo.
      Non una cosa avverrà qui se non voglio.
      Senza il mio assenso non cadrà foglia,
      né si piegherà stelo sotto il punto del piccolo zoccolo.

      C'è dunque un mondo
      di cui reggo le sorti indipendenti?
      Un tempo che lego con catene di segni?
      Un esistere a mio comando incessante?

      La gioia di scrivere
      Il potere di perpetuare.
      La vendetta d'una mano mortale.
      Wislawa Szymborska
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: mor-joy

        La fiera dei miracoli

        Un miracolo comune:
        l'accadere di molti miracoli comuni.

        Un miracolo normale:
        l'abbaiare di cani invisibili
        nel silenzio della notte.
        Un miracolo fra tanti:
        una piccola nuvola svolazzante,
        che riesce a nascondere una grande pesante luna.
        Più miracoli in uno:
        un ontano riflesso sull'acqua
        e che sia girato da destra a sinistra,
        e che cresca con la chioma in giù,
        e non raggiunga affatto il fondo
        benché l'acqua sia poco profonda.
        Un miracolo all'ordine del giorno:
        venti abbastanza deboli e moderati,
        impetuosi durante le tempeste.
        Un miracolo alla buona:
        le mucche sono mucche.
        Un altro non peggiore:
        proprio questo frutteto
        proprio da questo nocciolo.
        Un miracolo senza frac nero e cilindro:
        bianchi colombi che si alzano in volo.
        Un miracolo – e come chiamarlo altrimenti:
        oggi il sole è sorto alle 3,14
        e tramonterà alle 20.01
        Un miracolo che non stupisce quanto dovrebbe:
        la mano ha in verità meno di sei dita,
        però più di quattro.
        Un miracolo, basta guardarsi intorno:
        il mondo onnipresente.
        Un miracolo supplementare, come ogni cosa:
        l'inimmaginabile
        è immaginabile.
        Wislawa Szymborska
        Vota la poesia: Commenta

          La cipolla

          La cipolla è un'altra cosa.
          Interiora non ne ha.
          Completamente cipolla
          Fino alla cipollità.
          Cipolluta di fuori,
          cipollosa fino al cuore,
          potrebbe guardarsi dentro
          senza provare timore.
          In noi ignoto e selve
          di pelle appena coperti,
          interni d'inferno,
          violenta anatomia,
          ma nella cipolla - cipolla,
          non visceri ritorti.
          Lei più e più volte nuda,
          fin nel fondo e così via.
          Coerente è la cipolla,
          riuscita è la cipolla.
          Nell'una ecco sta l'altra,
          nella maggiore la minore,
          nella seguente la successiva,
          cioè la terza e la quarta.
          Una centripeta fuga.
          Un'eco in coro composta.
          La cipolla, d'accordo:
          il più bel ventre del mondo.
          A propria lode di aureole
          da sé si avvolge in tondo.
          In noi - grasso, nervi, vene,
          muchi e secrezione.
          E a noi resta negata
          l'idiozia della perfezione.
          Wislawa Szymborska
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di