Le migliori poesie di William Shakespeare

Drammaturgo e poeta, nato domenica 26 aprile 1564 a Stratford-upon-Avon (Regno Unito), morto sabato 23 aprile 1616 a Stratford-upon-Avon (Regno Unito)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Silvana Stremiz
Se proprio devi odiarmi
fallo ora,
ora che il mondo è intento
a contrastare ciò che faccio,
unisciti all'ostilità della fortuna,
piegami
non essere l'ultimo colpo
che arriva all'improvviso
Ah quando il mio cuore
avrà superato questa tristezza.
Non essere la retroguardia
di un dolore ormai vinto
non far seguire ad una notte ventosa
un piovoso mattino
non far indugiare un rigetto già deciso.
Se vuoi lasciarmi
non lasciarmi per ultimo
quando altri dolori meschini
avran fatto il loro danno
ma vieni per primo
così che io assaggi fin dall'inizio
il peggio della forza del destino
e le altri dolenti note
che ora sembrano dolenti
smetteranno di esserlo
di fronte la tua perdita.
William Shakespeare
Vota la poesia: Commenta
    Come un pessimo attore in scena
    colto da paura dimentica il suo ruolo,
    oppur come una furia stracarica di rabbia
    strema il proprio cuore per impeto eccessivo,
    anch'io, sentendomi insicuro, non trovo le parole
    per la giusta apoteosi del ritual d'amore,
    e nel colmo del mio amor mi par mancare
    schiacciato sotto il peso della sua potenza.
    Sian dunque i versi miei, unica eloquenza
    e muti messaggeri della voce del mio cuore,
    a supplicare amore e attender ricompensa
    ben più di quella lingua che più e più parlò.
    Ti prego, impara a leggere il silenzio del mio cuore
    è intelletto sottil d'amore intendere con gli occhi.
    William Shakespeare
    Vota la poesia: Commenta
      Il dono tuo, il quaderno, è dentro la mia mente
      scritto tutto in memoria imperitura,
      che assai più durerà di quelle vuote pagine,
      oltre ogni termine, fino all'eternità.
      O almeno fino a che la mente e il cuore
      avranno da natura la facoltà di esistere,
      finché al labile oblio non daran la lor parte
      di te, il tuo ricordo non potrà cancellarsi;
      quei miseri appunti non potrebbero tanto contenere
      né mi occorre un registro per segnare il tuo amore;
      per questo ho osato dar via il tuo quaderno,
      fidando invece in quello che meglio ti riceve.
      Il tenere un qualcosa che serva a ricordarti
      equivarrebbe a ammettere ch'io so dimenticarti.
      William Shakespeare
      Vota la poesia: Commenta

        Per la verità, io non ti amo coi miei occhi

        Per la verità, io non ti amo coi miei occhi,
        perché essi vedono in te un mucchio di difetti;
        ma è il mio cuore che ama quel che loro disprezzano
        e, apparenze a parte, ne gode alla follia.
        Né i miei orecchi delizia il timbro della tua voce,
        né la mia sensibilità è incline a vili toccamenti,
        né il mio gusto e l'olfatto bramano l'invito
        al banchetto dei sensi con te soltanto.
        Ma né i miei cinque spiriti, né i miei cinque sensi
        possono dissuadere questo mio sciocco cuore dal tuo servizio,
        avendo ormai perso ogni sembianza umana,
        ridotto a schiavo e misero vassallo del tuo superbo cuore.
        Solo in questo io considero la mia peste un bene:
        che chi mi fa peccare, m'infligge pure la penitenza.
        William Shakespeare
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Per quel giorno, se mai verrà quel giorno (Sonetto 49)

          Per quel giorno, se mai verrà quel giorno,
          in cui ti vedrò accigliare ad ogni mio difetto,
          e chiuderà il tuo amore il suo conto estremo
          spinto a tal giudizio da sagge riflessioni:
          per quel giorno in cui m'incontrerai da estraneo
          senza volgere al mio viso il sole dei tuoi occhi,
          e l'amor, mutato da quel era un tempo,
          troverà ragioni di una certa gravità:
          per quel giorno, dovrò cercare asilo
          dentro la coscienza dei miei soli meriti,
          e alzerò davanti a me questa mia mano
          per parare quanto addurrai a tua ragione.
          Per lasciar me miserabile tu hai la forza delle leggi
          mentre io d'esser amato non posso vantar diritti.
          William Shakespeare
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di