Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Violina Sirola

Inno al giudice

I galeotti vogano per il Mar Rosso
spingendo a fatica la galera;
il rugghio copre lo stridio dei ceppi
strillano, Perù la loro patria.

I Peruviani ricordano il Perù
un paradiso, c'erano uccelli, danze
donne e su ghirlande di fiori d'arancio
crescevano al cielo i baobab
.
Banane, ananassi! Un mucchio di gioie!
Vino in vasellame conservato...
Ma ecco, chissà perché e da dove
i giudici giunsero in Perù!

E disposero un cerchio di commi
per ingabbiare uccelli e Peruviane.
Gli occhi del giudice sono barattoli di latta
che scintillano in un mondezzaio.

Capitò un pavone blu-ranciato
sotto il suo occhio severo come il digiuno,
e scolorì sull'istante la magnifica
coda di pavone!

In Perù volavano per la prateria
certi uccellini detti colibrì;
il giudice ne prese uno e il pelame e le piume
rase al povero colibrì.

Adesso, nemmeno in una sola valle
vi sono vulcani fumanti.
Il giudice ha scritto su ogni valle:
"Valle per non fumatori".

In Perù persino i miei versi
sono proibiti, su minaccia di torture.
Il giudice ha stabilito che "quelli in vendita
sono bevanda alcolica".

L'Equatore freme al tintinnio dei ceppi.
Il Perù è vuoto di uccelli e di uomini...
Vi abitano soltanto i giudici depressi,
rannicchiati con astio sotto i codici.

Eppure, sapete, fa pena il Peruviano.
Senza ragione gli han dato la galera.
I giudici disturbano gli uccelli e le danze,
e me e voi e il Perù.
Composta nel 1915
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Kovski21

    Ascoltate!

    Ascoltate!
    Se accendono le stelle,
    vuol dire che qualcuno ne ha bisogno?
    Vuol dire che qualcuno vuole che esse siano?
    Vuol dire che qualcuno chiama perle questi piccoli sputi?
    E tutto trafelato,
    fra le burrasche di polvere meridiana,
    si precipita verso Dio,
    teme d'essere in ritardo,
    piange.
    Gli bacia la mano nodosa,
    supplica
    che ci sia assolutamente una stella,
    giura
    che non può sopportare questa tortura senza stelle!
    E poi cammina inquieto,
    fingendosi calmo.
    Dice ad un altro:
    "Ora va meglio, è vero?
    Non hai più paura?
    Sì!?"
    Ascoltate!
    Se accendono le stelle,
    vuol dire che qualcuno ne ha bisogno?
    Vuol dire che è indispensabile
    che ogni sera
    al di sopra dei tetti
    risplenda almeno una stella?
    Composta nel 1913
    Vota la poesia: Commenta