Scritta da: Enzo Cangiano

'Ll'uovò e Pasca

“Je chist’anno dint’all’uovo
nun ce voglio ‘na sorpresa
ma cchiuttosto n’ata cosa
me putesse fa’ cuntento.”
“Ma che dice? ‘ll’uovo ‘e Pasca
È fatt’apposta p’a sorpresa,
tu l’arape e dinto truove
quacche cosa cà nun t’aspiette.”
“e chesta è ‘a paura mia!
Si po’ doppo nun me piace
stà sorpresa l’aggia jettà!
Sai che dico, cara mia,
lassammo perde ‘a fantasia
no chist’anno, ma pe’ sempe
dint’all’uovo, voglio a tè!"
Vincenzo Cangiano
Composta domenica 5 aprile 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Cangiano

    Pinù

    Te voglio sentì ancora
    nun pusà 'a chitarra
    famme cumpagnia
    pe' 'nato 'ppoco
    comme quanno ero
    'nu guaglione
    e sunnavo sentenne
    'e poesie d "a musica toja...
    ... 'e parole toje
    sempe juste
    c'anno saputo cogliere
    sempe 'o centro d'o core mje
    Mo me restano 'e ricorde
    e so cchiù belle
    pecché dint" e ricorde
    mje 'nce si sempe tu, Pinù...
    Vincenzo Cangiano
    Composta lunedì 5 gennaio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Cangiano

      'O frate e 'a sora

      Ma ch'è succieso, 'o cielo
      chesta sera è accussì russo;
      vuo' vedè ca forse 'o sole
      tenesse un po' la luna di traverso.
      A luna, puntualmente s'affacciaje
      e dicette: "Io nun c'azzecco proprio
      cu' stà storia, ma nun vedite
      comme songa chiena".
      E po', c'a faccia tosta ca nse trova,
      dicette: "Mo nce parl' io cu chillo
      piezz'e fucuso".
      "Ma ch'e passato, tu ajere stive
      tanto bello", le domandai
      così a suo fratello.
      E isso, calmannose nu poco
      respunnette: "Sto stanco sora mia,
      ma c'aggia fa, chiù 'e chello
      ca faccio d'a matin'a sera:
      je allummo, scarfo a vierno,
      nce asciutt'e panne stise,
      quann'è 'a stagione nce faccio
      piglià pure 'a tintarella,
      nce metto impegno,
      ma nce sta na cosa ca' nun me riesce:
      je vulesse ca pe' ricunuscenza,
      'a gente se vulesse bene overamente;
      invec''e penza' ognuno 'e fatti suoje,
      ca dessero 'na mano a chi ha bisogno;
      invece 'e se fa' 'a guerra frat'e frate
      penzasser'a stà 'npace l'uno cu ll'ato;
      capisce, sora mia, che me turmenta?"
      "'0 ssaccio, caro frato, 'o ssaccio bbuono"
      nce respunnett'a luna a copp'a mano;
      "e si vedisse chello ca vec'jo,
      tutt'e rammagge ca se fann'e notte,
      furti, rapine, appicceche e delitte.
      Che t'aggia dì, embe', tieni raggione,
      ma in fondo nuje che 'nce putimmo fa?
      Facimmo comm'a che munn'è munno,
      tu 'e juorno trase dint'e core generuse,
      je 'a notte me guvern'e'nnammurate;
      mo vatt'a repusà, cà ce penz'je,
      diman' è 'n'atu juorno, jamm'annanza
      ca' 'll'urdem'a murì è semp'a speranza."
      Vincenzo Cangiano
      Composta venerdì 14 maggio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di