Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Vincenza Molvetti

Nato lunedì 23 novembre 1987 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Vincenza Molvetti

Due rintocchi all'alba.

Due rintocchi all'alba ogni mattina svegliano i miei tormenti,
due rintocchi forti e assordanti mi separano dal resto del mondo.

Tu non li ascolti, tu non puoi capirli ed io non potrò accettarli.
Quella campana continuerà a suonare e ogni volta, quei due rintocchi picchieranno forte sul mio cuore.

La veduta dall'alto di questo campanile mi spaventa,
mi rattrista perché non sei qui accanto a me.

La mia mente fa scherzi strani o forse sto sognando
ma una bimba laggiù in fondo mi saluta,
i suoi occhi sono viola e sanguinano le sue mani,
chiama forte il mio nome e rintocchi riprendono a straziarmi l'anima.

Alzo gli occhi al cielo e scorgo un sorriso,
i rintocchi diventano muti e il mio cuore poi trova pace.
Composta domenica 20 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Vincenza Molvetti

    La voce del cuore

    La mia preghiera porta il tuo nome,
    lo sussurro a voce bassa, anzi tacitamente lo abbraccio forte al cuore.
    Le emozioni, quelle forti fanno mancare il fiato ed è difficile descriverle.
    Come si può descrivere a parole un amore grande e immenso più del mare?
    Come si può descrivere a parole un dolore forte come quello provato da un bambino alla morte del padre? Come?
    Non esistono parole ma solo tanti, tanti piccoli battiti che insieme fanno la voce del cuore.
    Composta venerdì 14 dicembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Vincenza Molvetti

      Invisibile

      Nei tuoi occhi, nel tuo cuore e nella tua mente
      mi domando quante volte sono stata invisibile?
      Forse mai, forse una, forse.

      Mi cercherai tra la gente,
      con il desiderio di riavermi lì con te o con la paura di non saperti più allontanare,
      andare via da me.
      Non importa il come ma so che mi cercherai.

      E io sarò lì,
      invisibile
      sarò lì ad asciugare le tue lacrime,
      come soffio di vento accarezzerò le tue labbra
      e scompiglierò i tuoi capelli
      inebriandoti del profumo dei ricordi.

      Invisibile sarai tu per me
      quando arrabbiata e delusa
      ti maledirò per scacciarti via
      e allo stesso tempo ti benedirò perché nonostante tutto sarai ancora lì,
      lì con me,
      qui con me.
      Composta martedì 19 giugno 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Vincenza Molvetti

        Ama

        Chi ti dice che si ama solo col cuore?
        Chi ti dice che non si muore per amore?

        Ragazza, giovane e bella come un girasole nel suo splendore
        non credere mai a chi ti dice che l'amore è come un film,
        come una canzone,
        non credere a chi ti dice che ha il cuore rotto e che non vuole amare più!

        Ama ragazza, ama con tutta te stessa,
        col cuore, con la mente, col corpo.
        Metti a tacere l'orgoglio perché è un cane che abbaia
        abbaia forte tanto da far paura
        invece è sua la paura della solitudine.

        E se faranno del tuo cuore un bicchiere di cristallo,
        non lasciarlo cadere, non morire per amore
        ritrova te stessa e ama ancora!

        La vita senza amore
        è un giorno fatto solo di buio e ombre...

        Ama senza condizione,
        ama senza aspettarti niente in cambio
        colui che credi stai cercando ancora
        è lì ad attenderti
        e lui farà delle tue lacrime passate risate e gioie domani
        e dei tuoi ricordi, delle tue illusioni, la canzone della tua vita.
        Composta giovedì 31 maggio 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Vincenza Molvetti

          È Natale fuori dalla mia finestra

          È Natale fuori dalla mia finestra,
          fiocchi di neve coprono il capo di bimbi in festa.

          È Natale nei negozi e nei supermercati,
          nella felicità dei regali scartati.

          È Natale non dentro il mio cuore
          perché fa troppo freddo e non c'è il tuo calore.

          Nell'attesa del Bambino
          caro Papà ti abbraccio in una preghiera chiedendoti di starci sempre vicino.
          Composta giovedì 22 dicembre 2011
          Vota la poesia: Commenta