Scritta da: Valeria

Gente pulita

Ho voglia di gente pulita
che pulisca anche me.
La mia anima è incrostata, umida, triste, sola.
Si piega in due il mio cuore, mentre i pensieri mollano la presa e cadono giù.
L'uomo è come un foglio di carta: più lo pieghi e più puoi infilartelo in tasca,
senza che nessuno se ne accorga,
senza che nessuno lo senta soffocare.
Tutto stropicciato,
leso dalle piaghe che l'hanno sopraffatto.
E poi piove.
Piove e si diventa una poltiglia,
inutile ed insensata.
Calpestata ed uccisa sino all'inivisbilità.
Vorrei che qualcuno mi riponesse in un cassetto,
distesa,
a profumarmi di legno.
Che mi tiri fuori per Natale e che mi riempia di sogni buoni e lacrime di speranza.
Le gocce sparse poi si asciugano e sprigionano profumo di occhi e di legno.
La gente pulita ti pulisce con l'acqua del cuore.
Il cuore di un bambino è la mia speranza.
Valeria Lo Cicero
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Valeria

    Sono un mostro

    Sono un mostro.
    Ho gli occhi che sanguinano invisibilmente,
    spenti nella loro trasparenza
    e cupi di tristezza e rimorso.
    Sono un mostro.
    Le mie mani fredde tremano,
    le mie dita storte si nascondono l'uno dietro l'altro.
    Trascino il mio pesante corpo tra la folla
    e il naso appiccico sui vetri come ricoperto di colla.
    Sono un mostro.
    I mie capelli sembrano canapa dura arrotolata
    scolorita e appena estratta dal buco di un lavandino.
    Sono un mostro.
    Uccido tutto quello che incontro,
    faccio appassire i fiori,
    mangio i più bei colori,
    rendo piatte le più belle curve della vita.
    Sono un mostro, lo so.
    Lasciatemi dormire.
    Valeria Lo Cicero
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Valeria
      Una... due... tre...
      quante gocce ancora scenderanno
      giù da questo viso segnato
      dalla dolcezza e poi dall'amarezza
      di un sogno che diventa incubo...
      niente è più lo stesso, nessuno può capire
      il laccio che mi stringe, la forza che mi lascia
      il mondo che cade giù
      come le gocce salate che si susseguono
      in questo interminabile frammento di vita.
      Valeria Lo Cicero
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Valeria

        Dolce fluido

        È inutile far finta di nulla,
        evitare lo scoglio non basta,
        prima o poi te lo ritroverai davanti.
        Le lunghe passeggiate non saranno mai abbastanza
        per estendere il tenero tempo della felicità,
        guardare il riflesso sorridendo
        non basterà per allietarsi
        e quando quella lacrima involontaria scenderà
        sarà perché un frammento di quella pietra oceanica
        cerca di risalire.
        E adesso che anche l'acqua salata è uscita,
        probabilmente è ora che qualcuno emerga
        per inondare la sorgente di dolce fluido.
        Valeria Lo Cicero
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di