Scritta da: Silvana Stremiz

In pretura

- Alzatevi, accusata: vi chiamate?
- Pia Tonzi. - Maritata? - Sissignora.
- Con prole? - No... con uno che lavora...
- D'anni? - Ventotto. - Che mestiere fate?

- Esco la sera verso una cert'ora...
- Già, comprendo benissimo, abbordate...
- Oh, dico, sor pretore, rispettate
l'onorabbilità d'una signora!

- Ma le guardie vi presero al momento
che facevate i segni ad un signore,
scandalizzando tutto il casamento...

- Loro potranno divve quer che vonno:
ma io, su le questioni de l'onore,
fo come li Ministri: nun risponno!
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    L'agnello infurbito

    Un lupo che beveva in un ruscello
    vidde, dall'antra parte de la riva,
    l'immancabbile Agnello.
    -Perché nun venghi qui? - je chiese er Lupo -
    L'acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
    e un porco ce fa spesso er semicupio.
    Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
    er ruscelletto è limpido e pulito... -
    L'Agnello disse: - Accetterò l'invito
    quanno avrò sete e tu nun avrai fame.
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Carità cristiana

      Er Chirichetto d'una sacrestia
      sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto
      pè castigallo d'una porcheria.
      - Che fai? - je strillò er Prete ner vedello
      - Ce vò un coraccio nero come er tuo
      pè menaje in quer modo... Poverello!...
      - Che? - fece er Chirichetto - er gatto è suo? -
      Er Prete disse: - No... ma è mio l'ombrello! -.
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        La diplomazia

        Naturarmente, la Dipromazzia
        è una cosa che serve a la nazzione
        pè conservà le bone relazzione,
        cò quarche imbrojo e quarche furberia.

        Se dice dipromatico pè via
        che frega cò 'na certa educazzione,
        cercanno de nasconne l'opinione
        dietro un giochetto de fisonomia.

        Presempio, s'io te dico chiaramente
        ch'ho incontrato tù moje con un tale,
        sarò sincero, sì, ma sò imprudente.

        S'invece dico: - Abbada cò chi pratica...
        Tu resti cò le corna tale e quale,
        ma te l'avviso in forma dipromatica.
        Trilussa
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di