Scritta da: Elisabetta

La Cecala d'oggi

Una Cecala, che pijava er fresco
all'ombra der grispigno e de l'ortica,
pe' da' la cojonella a 'na Formica
cantò 'sto ritornello romanesco:
- Fiore de pane,
io me la godo, canto e sto benone,
e invece tu fatichi come un cane.
- Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:
- rispose la Formica -
nun t'hai da crede mica
ch'er sole scotti sempre come er foco!
Amomenti verrà la tramontana:
commare, stacce attenta... -
Quanno venne l'inverno
la Formica se chiuse ne la tana.
ma, ner sentì che la Cecala amica
seguitava a cantà tutta contenta,
uscì fòra e je disse: - ancora canti?
ancora nu' la pianti?
- Io? - fece la Cecala - manco a dillo:
quer che facevo prima faccio adesso;
mó ciò l'amante: me mantiè quer Grillo
che 'sto giugno me stava sempre appresso.
Che dichi? l'onestà? Quanto sei cicia!
M'aricordo mi' nonna che diceva:
Chi lavora cià appena una camicia,
e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    L'onestà de mi' nonna

    Quanno che nonna mia pijò marito
    nun fece mica come tante e tante
    che doppo un po' se troveno l'amante...
    Lei, in cinquant'anni, nu' l'ha mai tradito!

    Dice che un giorno un vecchio impreciuttito
    che je voleva fa' lo spasimante
    je disse: - V'arigalo 'sto brillante
    se venite a pijavvelo in un sito. -

    Un'antra, ar posto suo, come succede,
    j'avrebbe detto subbito: - So' pronta.
    Ma nonna, ch'era onesta, nun ciagnede;

    anzi je disse: - Stattene lontano... -
    Tanto ch'adesso, quanno l'aricconta,
    ancora ce se mozzica le mano!
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      L'ingiustizzie der monno

      Quanno che senti di' "cleptomania"
      è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
      er ladro ricco è sempre un ammalato
      e er furto che commette è una pazzia.

      Ma se domani è un povero affamato
      che rubba una pagnotta e scappa via
      pe' lui nun c'è nessuna malatia
      che j'impedisca d'esse condannato!

      Così va er monno! L'antra settimana
      che Yeta se n'agnede cór sartore
      tutta la gente disse: - È una puttana. -

      Ma la duchessa, che scappò in America
      cór cammeriere de l'ambasciatore,
      - Povera donna! - dissero - È un'isterica!...
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        In pizzo ar1 tetto

        In cima in cima ar tetto, indove vanno
        a facce er nido tante rondinelle,
        ce so' du' finestrelle, tutto l'anno
        incorniciate da le campanelle.

        In mezzo a ognuna de 'ste finestrelle,
        tra li vasi de fiori che ce stanno,
        c'è 'na furcina co' le cordicelle
        dove c'è sempre steso quarche panno.

        Prima, da 'ste finestre sott'ar tetto,
        Nina cantava: Me so' innammorata...
        mentre stenneva quarche fazzoletto.

        Ma mó ha cambiato musica e parole;
        adesso canta: Ah, tu che m'hai lassata!...
        E stenne fasciatori e bavarole.
        Trilussa
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisabetta

          Parla Maria, la serva...

          Pe' cento lire ar mese che me dànno
          io je lavo, je stiro, je cucino,
          e scopo, e spiccio, e sporvero, e strufino
          che quanno ch'è la sera ciò l'affanno.

          Poi c'è er pranzo, le feste, er comprianno,
          e allora me ce scappa er contentino
          che m'ho da mette pure er zinallino
          p'aprì la porta a quelli che ce vanno!

          E avressi da sentì che pretenzione!
          Co' 'na libbra de carne, hai da rifrette
          che ciò da fa' magnà sette persone!

          Sai che dice er portiere? Ch'è un prodiggio!
          Perché pe' contentalli tutti e sette
          bisogna fa' li giochi de prestiggio!


          II

          Pe' cacciaje un centesimo, so' guai!
          Com'è tirata lei, se tu la senti!
          Dice: - Tre sòrdi un broccolo? Accidenti!
          Dodici la vitella? È cara assai! -

          Ma l'antro giorno che ce liticai
          je l'ho cantata senza comprimenti;
          dico: - Che cià in saccoccia? li serpenti?
          Gente più pirchia nu' l'ho vista mai!

          Lei, dico, m'arifila li quatrini
          solo sur da magnà, ma spenne e spanne
          p'annà vestita in chicchere e piattini:

          se mette le camice smerlettate,
          s'infila li nastrini e le mutanne
          e strilla pe' du' sòrdi de patate!


          III

          Tu me dirai: - Va bè, ma che t'importa?
          Armeno magni, dormi e stai benone...-
          Eh, fija! Si tu stassi in un cartone
          diressi che sto bene quarche vorta!

          Dormo in un sottoscala senza porta,
          e, quanno ch'è la sera, quer boccone
          nemmanco me va giù! Me s'arimpone!
          che vôi magnà! Me sento stracca morta!

          Questo sarebbe gnente! Cianno un core
          che, doppo che me strazzio tutto l'anno,
          nun vonno che me metta a fa' l'amore!

          Dice: - La serva la volemo onesta...-
          Eh già! Pe' cento lire che me dànno!
          Povera me! Ce mancherebbe questa!
          Trilussa
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di