Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisabetta

La maschera

Vent'anni fa m'ammascherai pur'io!
E ancora tengo er grugno de cartone
che servì p'annisconne quello mio.
Sta da vent'anni sopra un credenzone
quela Maschera buffa, ch'è restata
sempre co' la medesima espressione,
sempre co' la medesima risata.
Una vorta je chiesi: - E come fai
a conservà lo stesso bon umore
puro ne li momenti der dolore,
puro quanno me trovo fra li guai?
Felice te, che nun te cambi mai!
Felice te, che vivi senza core! -
La Maschera rispose: - E tu che piagni
che ce guadagni? Gennte! Ce guadagni
che la genti dirà: Povero diavolo,
te compatisco... me dispiace assai...
Ma, in fonno, credi, nun j'importa un cavolo!
Fa' invece come me, ch'ho sempre riso:
e se te pija la malinconia
coprete er viso co' la faccia mia
così la gente nun se scoccerà... -
D'allora in poi nascónno li dolori
de dietro a un'allegia de cartapista
e passo per un celebre egoista
che se ne frega de l'umanità!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    Er compagno scompagno

    Un Gatto, che faceva er socialista
    solo a lo scopo d'arivà in un posto,
    se stava lavoranno un pollo arosto
    ne la cucina d'un capitalista.

    Quanno da un finestrino su per aria
    s'affacciò un antro Gatto: - Amico mio,
    pensa - je disse - che ce so' pur'io
    ch'appartengo a la classe proletaria!

    Io che conosco bene l'idee tue
    so' certo che quer pollo che te magni,
    se vengo giù, sarà diviso in due:
    mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni!

    - No, no: - rispose er Gatto senza core
    io nun divido gnente co' nessuno:
    fo er socialista quanno sto a diggiuno,
    ma quanno magno so' conservatore!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      La cornacchia libberale

      Una cornacchia nera come un tizzo,
      nata e cresciuta drento 'na chiesola,
      siccome je pijo lo schiribbizzo
      de fa' la libberale e d'uscì sola,
      s'infarinò le penne e scappò via
      dar finestrino de la sacrestia.

      Ammalappena se trovò per aria
      coll'ale aperte in faccia a la natura,
      sentì quant'era bella e necessaria
      la vera libbertà senza tintura:
      l'intese così bene che je venne
      come un rimorso e se sgrullò le penne.

      Naturarmente, doppo la sgrullata,
      metà de la farina se n''agnede,
      ma la metà rimase appiccicata
      come una prova de la malafede.
      - Oh! - disse allora - mo' l'ho fatta bella!
      So' bianca e nera come un purcinella...

      - E se resti così farai furore:
      - je disse un Merlo - forse te diranno
      che sei l'ucello d'un conservatore,
      ma nun te crede che te faccia danno:
      la mezza tinta adesso va de moda
      puro fra l'animali senza coda.

      Oggi che la coscenza nazzionale
      s'adatta a le finzioni de la vita,
      oggi ch'er prete è mezzo libberale
      e er libberale è mezzo gesuita,
      se resti mezza bianca e mezza nera
      vedrai che t'assicuri la cariera.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        La ranocchia ambizziosa

        Uan Ranocchia aveva visto un Bove.
        - Oh! - dice - quant'è grosso! quant'è bello!
        S'io potesse gonfiamme come quello
        me farebbe un bel largo in società...
        Je la farò? chissa?
        Basta... ce proverò. -
        Sortì dar fosso e, a furia de fatica,
        s'empì de vento come 'na vescica,
        finché nun s'abbottò discretamente;
        ma, ammalappena je rivenne in mente
        quela ranocchia antica
        che volle fa' lo stesso e ce schiattò,
        disse: - Nun è possibbile ch'io possa
        diventà come lui: ma che me frega?
        A me m'abbasta d'esse la più grossa
        fra tutte le ranocchie de la Lega....
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisabetta

          Er sorcio de città e er sorcio de campagna

          Un Sorcio ricco de la capitale
          invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
          - Vedrai che bel locale,
          vedrai come se magna...
          - je disse er Sorcio ricco - Sentirai!
          Antro che le caciotte de montagna!
          Pasticci dorci, gnocchi,
          timballi fatti apposta,
          un pranzo co' li fiocchi! una cuccagna! -
          L'intessa sera, er Sorcio de campagna,
          ner traversà le sale
          intravidde 'na trappola anniscosta;
          - Collega, - disse - cominciamo male:
          nun ce sarà pericolo che poi...?
          - Macché, nun c'è paura:
          - j'arispose l'amico - qui da noi
          ce l'hanno messe pe' cojonatura.
          In campagna, capisco, nun se scappa,
          ché se piji un pochetto de farina
          ciai la tajola pronta che t'acchiappa;
          ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
          Le trappole so' fatte pe' li micchi:
          ce vanno drento li sorcetti poveri,
          mica ce vanno li sorcetti ricchi!
          Vota la poesia: Commenta