Scritta da: Elisabetta

La mosca invidiosa

La Mosca era gelosa Dio sa come
d'una Farfalla piena de colori.
- Tu - je diceva - te sei fatta un nome
perché te la svolazzi tra li fiori:
ma ogni vorta che vedo l'ale tue
cò tutto quer velluto e quer ricamo
nun me posso scordà quann'eravamo
poveri verminetti tutt'e due...
- Già - disse la Farfalla - ma bisogna
che t'aricordi pure un'antra cosa:
io nacqui tra le foje d'una rosa
e tu su'na carogna.
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    Bolla de sapone

    Lo sai ched'è la bolla de sapone?
    L'astuccio trasparente d'un sospiro.
    Uscita da la canna vola in giro,
    sballotata senza direzzione,
    pè fasse cunnalà come se sia
    dall'aria stessa che la porta via.

    Una farfalla bianca, un certo giorno,
    ner vede quela palla cristallina
    che rispecchiava come una vetrina
    tutta la robba che ciaveva intorno,
    j'agnede incontro e la chiamò: -Sorella,
    famme rimirà! Quanto sei bella!

    Er celo. Er mare, l'arberi, li fiori
    pare che t'accompagnino ner volo:
    e mentre rubbi, in un momento solo,
    tutte le luci e tutti li colori,
    te godi er monno e te ne vai tranquilla
    ner sole che sbrilluccica e sfavilla.

    La bolla de sapone je rispose:
    - So bella, si, ma duro troppo poco.
    La vita mia, che nasce per un gioco
    come la maggior parte delle cose,
    stà chiusa in una goccia... Tutto quanto
    finisce in una lacrima de pianto.
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      La cicatrice

      Annavo a cena li, tutte le sere;
      e intorno a quelo stesso tavolino
      veniva un professore de latino,
      un maestro de musica, un barbiere
      e un certo generale mezzo sordo
      che se chiamava... nun me ricordo.
      Chi generale fosse era un mistero;
      ma pè noi ciabbastaveno l'impronte
      d'una ferita che ciaveva in fronte
      mischiata cò le rughe der pensiero;
      pè questo era tenuto, e cò raggione,
      in una certa considerazzione.
      Nun dico mica ch'ogni cicatrice
      sia una marca dè fabbrica d'eroi:
      ma, quello li, ciaveva er tipo, eppoi
      quann'uno ner parlà dice e nun dice
      finisce pè fà crede pure a quello
      che nemmanco je passa p'er ccervello.
      - Benché sò vecchio ce ritornerei... -
      diceva spesso, e nun diceva dove;
      e ce parlava spesso der cinquantanove,
      e ce parlava der sessantasei,
      de Garibaldi, de l'Italia unita...
      ma nun parlava mai de la ferita.
      Così la cosa rimaneva incerta
      e se quarcuno je lo domannava
      invece de risponne ce se dava
      una gran bottà cò la mano aperta:
      e barbottava: - Chi lo sa che un giorno
      nun dica tutto... - E se guardava intorno.
      Ma quer giorno, però, nun venne mai;
      e er vecchio, come fu come nun fu,
      tutt'in un botto nun se vidde più:
      cosa che all'oste j'arincrebbe assai
      perché nun solo je voleva bene,
      ma j'avanzava più de quattro cene.
      Finché una sera, doppo quarche mese,
      mentre stavamo a cena tutti quanti,
      s'aprì la porta e ce se fece avanti
      una povera vecchia che ce chiese:
      - Scusate tanto: - dice - è in de sto sito
      che veniva er mì povero marito?
      - Chi? - chiese l'oste - quer vecchietto, forse
      cò quela cicatrice? Er generale? -
      La vecchia a 'ste parole restò male,
      ma li per li nessuno se ne accorse.
      - Bè - dice - l'antro giorno all'improviso,
      Dio ce ne scampi, è annato in Paradiso.
      Lassù purtroppo! - e con un viso affritto
      che veramente ce commosse a tutti,
      alzò le braccia verso li preciutti
      attaccati sur trave der soffitto.
      Lassù purtroppo! E nun c'è più riparo
      povero Checco, ch'era tanto caro!
      Un vero Galantomo: tanto onesto
      che all'urtimi momenti m'ha chiamato
      pè via d'un certo conto ch'ha lasciato...
      - Oh, nun è er caso de parlà de questo!
      - je disse l'oste - senza comprimenti:
      una sciocchezza... diciannove e venti! -
      Doppo un silenzio che durò un minuto
      s'arzò er barbiere e disse: - È doveroso
      che ar vecchio eroe modesto e valoroso
      je venga dato l'urtimo saluto!
      È cor core strazziato che m'inchino
      tanto ar sordato quanto ar cittadino!
      E, per te, che rimani nelle pene,
      per te, povera vedova der morto,
      chi trova una parola dè conforto?
      Iddio sa se je volevi bene!
      -Ah questo è certo! - sospirò la vecchia-
      J'avrei portato l'acqua cò l'orecchia!
      Stavamo sempre come pappa e cacio;
      tutte le sere, prima d'annà a letto
      se facevamo er solito goccetto:
      Addio Nina... addio Checco... damme un bacio...
      in sessant'anni e più, solo una vorta
      avemo liticato for de porta.
      E fù precisamente in una festa:
      mentre ballavo con un bersajere,
      povero Checco me tirò un bicchiere
      ed io je detti na bottija in testa:
      lo presi in fronte, disgrazziatamente,
      e je restò lo sfreggio permanente!
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        L'orloggio cór cuccù

        È un orloggio de legno
        fatto con un congegno
        ch'ogni mezz'ora s'apre uno sportello
        e s'affaccia un ucello a fa' cuccù.
        Lo tengo da trent'anni a capo al letto
        e m'aricordo che da regazzetto
        me divertiva come un giocarello.
        M'incantavo a guardallo e avrei voluto
        che l'ucelletto che faceva er verso
        fosse scappato fòra ogni minuto...
        Povero tempo perso!
        Ogni tanto trovavo la magnera
        de faje fa' cuccù per conto mio,
        perché spesso ero io
        che giravo la sfera,
        e allora li cuccù
        nun finiveno più.

        Mó l'orloggio cammina come allora:
        ma, quanno vede lo sportello aperto
        co' l'ucelletto che me dice l'ora,
        nun me diverto più, nun me diverto...
        Anzi me scoccia, e pare che me dia
        un'impressione de malinconia...
        E puro lui, der resto,
        nun cià più la medesima allegria:
        lavora quasi a stento,
        o sorte troppo tardi e troppo presto
        o resta mezzo fòra e mezzo drento:
        e quer cuccù che me pareva un canto
        oggi ne fa l'effetto d'un lamento.
        Pare che dica: - Ar monno tutto passa,
        tutto se logra, tutto se sconquassa:
        se suda, se fatica,
        se pena tanto, eppoi...
        Cuccù, salute a noi!
        Trilussa
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisabetta

          L'incontro de li sovrani

          Bandiere e banderole,
          penne e pennacchi ar vento,
          un luccichìo d'argento
          de bajonette ar sole,
          e in mezzo a le fanfare
          spara er cannone e pare
          che t'arimbombi dentro.
          Ched'è? chi se festeggia?
          È un Re che, in mezzo ar mare,
          su la fregata reggia
          riceve un antro Re.
          Ecco che se l'abbraccica,
          ecco che lo sbaciucchia;
          zitto, ché adesso parleno...
          -Stai bene? - Grazzie. E te?
          e la Reggina? - Allatta.
          - E er Principino? - Succhia.
          - E er popolo? - Se gratta.
          - E er resto? - Va da sé...
          - Benissimo! - Benone!
          La Patria sta stranquilla;
          annamo a colazzione... -

          E er popolo lontano,
          rimasto su la riva,
          magna le nocchie e strilla:
          - Evviva, evviva, evviva... -
          E guarda la fregata
          sur mare che sfavilla.
          Trilussa
          Composta martedì 13 dicembre 1988
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di