Scritta da: Silvana Stremiz

L'agnello infurbito

Un lupo che beveva in un ruscello
vidde, dall'antra parte de la riva,
l'immancabbile Agnello.
-Perché nun venghi qui? - je chiese er Lupo -
L'acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
e un porco ce fa spesso er semicupio.
Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
er ruscelletto è limpido e pulito... -
L'Agnello disse: - Accetterò l'invito
quanno avrò sete e tu nun avrai fame.
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    - Rottadecollo! - disse un Somarello
    ner vedè un'Automobbile a benzina.

    - Indove passi tu, nasce un macello!
    Hai sbudellato un cane, una gallina,
    un porco, un'oca, un pollo...
    Povere bestie! Che carneficina!
    Che sfraggello che fai! Rottadecollo!

    - Non fiottà tanto, faccia d'impunito!
    - rispose inviperita l'Automobbile. -
    Se vede che la porvere e lo sbuffo
    de lo stantuffo t'hanno intontonito.

    Nun sai che quanno io corro ciò la forza
    de cento e più cavalli? E che te credi
    che chi vò fa carriera se fa scrupolo
    de quelli che se trova fra li piedi?

    Io corro e me ne infischio e nun permetto
    che 'na bestiaccia ignobbile
    s'azzardi de mancamme de rispetto!

    E ner dì ste parole l'Automobbile
    ce mise drento tanto mai calore
    che er motore, infuocato, je scoppiò.

    Allora cambiò tono. Dice: - e mò?
    Chi me rimorchierà fino ar deposito?
    Amico mio, tu capiti a proposito,
    tu solo poi sarvà la situazzione!...

    - Vengo - je disse er Ciuccio - e me consolo
    che cento e più cavalli a l'occasione
    hanno bisogno d'un somaro solo.
    Trilussa
    Composta martedì 1 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Randle

      La Rassegnazione

      Er cortiletto chiuso
      nun serve a nessun uso.
      Dar giorno che li frati della Morte
      se presero er convento, hanno murato
      le finestre e le porte:
      e er cortile rimase abbandonato.
      Se c'entra un gatto, ammalappena è entrato
      se guarda intorno e subbito risorte.
      Tra er muschio verde e er vellutello giallo
      ancora s'intravede una Fontana
      piena d'acqua piovana
      che nun se move mai: come un cristallo.
      O tutt'ar più s'increspa
      quannno la sera, verso na cert'ora,
      se sente stuzzicà da quarche vespa
      o da quarche zampana che la sfiora.
      Pare che in quer momento
      je passi come un brivido: un gricciore
      su la pelle d'argento.
      Eppure sta Fontana anticamente
      se faceva riempì da un Mascherone
      che vommitava l'acqua de sorgente:
      un'acqua chiara, fresca, trasparente,
      che usciva còr fruscìo d'una canzone
      e se la scialacquava allegramente.
      Dar giorno che nun butta,
      er vecchio Mascherone s'è avvilito:
      forse je seccherà d'esse finito
      còr naso rotto e cò la bocca asciutta.
      Perché de tanto in tanto
      guarda sott'occhio la Fontana amica
      e pare che je dica:
      - Nun m'aricordo più se ho riso o pianto.
      T'ho dato tutto quello ch'ho potuto,
      fino all'urtima goccia c'hai bevuto
      pe' la felicità de statte accanto! -
      Ma la Fontana è sorda:
      nun pensa, nun ricorda...
      Resta tranquillamente a braccia aperte
      e ancora se diverte
      cò quer po' de sussidio che riceve
      da la pioggia che casca e certe vorte
      perfino della neve...
      e manco fa più caso
      ar vecchio Mscherone senza naso.
      Trilussa
      Composta venerdì 11 maggio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di