Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisabetta

L'ingiustizzie der monno

Quanno che senti di' "cleptomania"
è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
er ladro ricco è sempre un ammalato
e er furto che commette è una pazzia.

Ma se domani è un povero affamato
che rubba una pagnotta e scappa via
pe' lui nun c'è nessuna malatia
che j'impedisca d'esse condannato!

Così va er monno! L'antra settimana
che Yeta se n'agnede cór sartore
tutta la gente disse: - È una puttana. -

Ma la duchessa, che scappò in America
cór cammeriere de l'ambasciatore,
- Povera donna! - dissero - È un'isterica!...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    L'incontro de li sovrani

    Bandiere e banderole,
    penne e pennacchi ar vento,
    un luccichìo d'argento
    de bajonette ar sole,
    e in mezzo a le fanfare
    spara er cannone e pare
    che t'arimbombi dentro.
    Ched'è? chi se festeggia?
    È un Re che, in mezzo ar mare,
    su la fregata reggia
    riceve un antro Re.
    Ecco che se l'abbraccica,
    ecco che lo sbaciucchia;
    zitto, ché adesso parleno...
    -Stai bene? - Grazzie. E te?
    e la Reggina? - Allatta.
    - E er Principino? - Succhia.
    - E er popolo? - Se gratta.
    - E er resto? - Va da sé...
    - Benissimo! - Benone!
    La Patria sta stranquilla;
    annamo a colazzione... -

    E er popolo lontano,
    rimasto su la riva,
    magna le nocchie e strilla:
    - Evviva, evviva, evviva... -
    E guarda la fregata
    sur mare che sfavilla.
    Composta martedì 13 dicembre 1988
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      Parla Maria, la serva...

      Pe' cento lire ar mese che me dànno
      io je lavo, je stiro, je cucino,
      e scopo, e spiccio, e sporvero, e strufino
      che quanno ch'è la sera ciò l'affanno.

      Poi c'è er pranzo, le feste, er comprianno,
      e allora me ce scappa er contentino
      che m'ho da mette pure er zinallino
      p'aprì la porta a quelli che ce vanno!

      E avressi da sentì che pretenzione!
      Co' 'na libbra de carne, hai da rifrette
      che ciò da fa' magnà sette persone!

      Sai che dice er portiere? Ch'è un prodiggio!
      Perché pe' contentalli tutti e sette
      bisogna fa' li giochi de prestiggio!


      II

      Pe' cacciaje un centesimo, so' guai!
      Com'è tirata lei, se tu la senti!
      Dice: - Tre sòrdi un broccolo? Accidenti!
      Dodici la vitella? È cara assai! -

      Ma l'antro giorno che ce liticai
      je l'ho cantata senza comprimenti;
      dico: - Che cià in saccoccia? li serpenti?
      Gente più pirchia nu' l'ho vista mai!

      Lei, dico, m'arifila li quatrini
      solo sur da magnà, ma spenne e spanne
      p'annà vestita in chicchere e piattini:

      se mette le camice smerlettate,
      s'infila li nastrini e le mutanne
      e strilla pe' du' sòrdi de patate!


      III

      Tu me dirai: - Va bè, ma che t'importa?
      Armeno magni, dormi e stai benone...-
      Eh, fija! Si tu stassi in un cartone
      diressi che sto bene quarche vorta!

      Dormo in un sottoscala senza porta,
      e, quanno ch'è la sera, quer boccone
      nemmanco me va giù! Me s'arimpone!
      che vôi magnà! Me sento stracca morta!

      Questo sarebbe gnente! Cianno un core
      che, doppo che me strazzio tutto l'anno,
      nun vonno che me metta a fa' l'amore!

      Dice: - La serva la volemo onesta...-
      Eh già! Pe' cento lire che me dànno!
      Povera me! Ce mancherebbe questa!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Il testamento di un albero

        Un Albero di un bosco
        chiamò gli uccelli e fece testamento:
        - Lascio i fiori al mare,
        lascio le foglie al vento,
        i frutti al sole e poi
        tutti i semi a voi.
        A voi, poveri uccelli,
        perché mi cantavate le canzoni
        nella bella stagione.
        E voglio che gli sterpi,
        quando saranno secchi,
        facciano il fuoco per i poverelli.
        Però vi avviso che sul mio tronco
        c'è un ramo che dev'essere ricordato
        alla bontà degli uomini e di Dio.
        Perché quel ramo, semplice e modesto,
        fu forte e generoso: e lo provò
        il giorno che sostenne un uomo onesto
        quando ci si impiccò - .
        Vota la poesia: Commenta