Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisabetta

La mosca invidiosa

La Mosca era gelosa Dio sa come
d'una Farfalla piena de colori.
- Tu - je diceva - te sei fatta un nome
perché te la svolazzi tra li fiori:
ma ogni vorta che vedo l'ale tue
cò tutto quer velluto e quer ricamo
nun me posso scordà quann'eravamo
poveri verminetti tutt'e due...
- Già - disse la Farfalla - ma bisogna
che t'aricordi pure un'antra cosa:
io nacqui tra le foje d'una rosa
e tu su'na carogna.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    L'ingiustizzie der monno

    Quanno che senti di' "cleptomania"
    è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
    er ladro ricco è sempre un ammalato
    e er furto che commette è una pazzia.

    Ma se domani è un povero affamato
    che rubba una pagnotta e scappa via
    pe' lui nun c'è nessuna malatia
    che j'impedisca d'esse condannato!

    Così va er monno! L'antra settimana
    che Yeta se n'agnede cór sartore
    tutta la gente disse: - È una puttana. -

    Ma la duchessa, che scappò in America
    cór cammeriere de l'ambasciatore,
    - Povera donna! - dissero - È un'isterica!...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      L'incontro de li sovrani

      Bandiere e banderole,
      penne e pennacchi ar vento,
      un luccichìo d'argento
      de bajonette ar sole,
      e in mezzo a le fanfare
      spara er cannone e pare
      che t'arimbombi dentro.
      Ched'è? chi se festeggia?
      È un Re che, in mezzo ar mare,
      su la fregata reggia
      riceve un antro Re.
      Ecco che se l'abbraccica,
      ecco che lo sbaciucchia;
      zitto, ché adesso parleno...
      -Stai bene? - Grazzie. E te?
      e la Reggina? - Allatta.
      - E er Principino? - Succhia.
      - E er popolo? - Se gratta.
      - E er resto? - Va da sé...
      - Benissimo! - Benone!
      La Patria sta stranquilla;
      annamo a colazzione... -

      E er popolo lontano,
      rimasto su la riva,
      magna le nocchie e strilla:
      - Evviva, evviva, evviva... -
      E guarda la fregata
      sur mare che sfavilla.
      Composta martedì 13 dicembre 1988
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Il testamento di un albero

        Un Albero di un bosco
        chiamò gli uccelli e fece testamento:
        - Lascio i fiori al mare,
        lascio le foglie al vento,
        i frutti al sole e poi
        tutti i semi a voi.
        A voi, poveri uccelli,
        perché mi cantavate le canzoni
        nella bella stagione.
        E voglio che gli sterpi,
        quando saranno secchi,
        facciano il fuoco per i poverelli.
        Però vi avviso che sul mio tronco
        c'è un ramo che dev'essere ricordato
        alla bontà degli uomini e di Dio.
        Perché quel ramo, semplice e modesto,
        fu forte e generoso: e lo provò
        il giorno che sostenne un uomo onesto
        quando ci si impiccò - .
        Vota la poesia: Commenta