Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisabetta

Stella cadente

Quanno me godo da la loggia mia
quele sere d'agosto tanto belle
ch'er celo troppo carico de stelle
se pija er lusso de buttalle via,
a ognuna che ne casca penso spesso
a le speranze che se porta appresso.

Perché la gente immaggina sur serio
che chi se sbriga a chiede quarche cosa
finché la striscia resta luminosa,
la stella je soddisfa er desiderio;
ma, se se smorza prima, bonanotte:
la speranzella se ne va a fa' fotte.

Jersera, ar Pincio, in via d'esperimento,
guardai la stella e chiesi: — Bramerei
de ritrovamme a tuppertù co' lei
come trent'anni fa: per un momento.
Come starà Lullù? dov'è finita
la donna ch'ho più amato ne la vita? —

Allora chiusi l'occhi e ripensai
a le gioje, a le pene, a li rimorsi,
ar primo giorno quanno ce discorsi,
a quela sera che ce liticai...
E rivedevo tutto a mano a mano,
in un nebbione piucchemmai lontano.

Ma ner ricordo debbole e confuso
ecco che m'è riapparsa la biondina
quanno venne da me quela matina,
giovene, bella, dritta come un fuso,
che me diceva sottovoce: — È tanto
che sospiravo de tornatte accanto! —

Er fatto me pareva così vero
che feci fra de me: — Questa è la prova
che la gioja passata se ritrova
solo nel labirinto der pensiero.
Qualunquesia speranza è un brutto tiro
de l'illusione che ce pija in giro. —

Però ce fu la mano der Destino:
perché, doppo nemmanco un quarto d'ora,
giro la testa e vedo una signora
ch'annava a spasso con un cagnolino.
Una de quele bionde ossiggenate
che perloppiù ricicceno d' estate.

— Chissà — pensai — che pure 'sta grassona
co' quer po' po' de robba che je balla
nun sia stata carina? — E ner guardalla
trovai ch'assommava a 'na persona...
Speciarmente er nasino pe' l'insù
me ricordava quello de Lullù...

Era lei? Nu' lo so. Da certe mosse,
da la maniera de guarda la gente,
avrei detto: — È Lullù, sicuramente... —
Ma ner dubbio che fosse o che nun fosse
richiusi l'occhi e ritornai da quella
ch'avevo combinato co' la stella.
Composta sabato 10 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    Er presepio

    Ve ringrazio de core, brava gente,
    pé 'sti presepi che me preparate,
    ma che li fate a fa? Si poi v'odiate,
    si de st'amore non capite gnente...

    Pé st'amore sò nato e ce sò morto,
    da secoli lo spargo dalla croce,
    ma la parola mia pare 'na voce
    sperduta ner deserto, senza ascolto.

    La gente fa er presepe e nun me sente;
    cerca sempre de fallo più sfarzoso,
    però cià er core freddo e indifferente
    e nun capisce che senza l'amore
    è cianfrusaja che nun cià valore.
    Composta venerdì 27 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta

      La fretta

      Se stà a fà sera e nantra giornata de lavoro se n'è annata:
      c'ho l'ossa tutte rotte, la capoccia frastornata.
      Cammino senza prescia, tanto, che devo fa?
      Si torno a casa me tocca pure sfacchinà!
      Sur viale del tramonto me fa l'occhietto er sole,
      e dopo nà giornata a dà i resti a chi li vole,
      l'osservo m'bambolato, come fosse, nà visione.
      Me fermo lì a guardallo, ma chi l'avrà inventato?
      È bello forte, nun l'avevo mai notato!
      Sempre a combatte, sempre appresso a tutti i guai,
      splende splende, ma nun m'o godo mai.
      È robba che co quell'aria bonacciona e rassicurante,
      riuscirebbe a fà sentì amico ogni viandante.
      Stà palla arancione m'ha messo pure arsura, ma, ahò!
      Nun so mica nà monaca de clausura!
      E allora ò sai che nova c'è? Io nun c'ho più fretta
      e me butto drent'ai meandri dè nà fraschetta.
      Con le zampe sotto ar tavolino,
      e in compagnia dè n'ber fiasco de vino,
      me guardo intorno soddisfatto,
      finalmente ho smesso de sbrigamme come un matto!
      E mentre er Cannellino m'arriva ar gargarozzo
      Rido cò n'amico e ordino nantro litrozzo.
      La vista me se annebbia ma non la mia coscienza
      che se mette a riflette sull'umana esistenza:
      a che serve stà sempre a core pè tutte le raggioni
      si so quasi sempre rotture dè cojoni!
      Composta mercoledì 23 giugno 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        Er compagno scompagno

        Un Gatto, che faceva er socialista
        solo a lo scopo d'arivà in un posto,
        se stava lavoranno un pollo arosto
        ne la cucina d'un capitalista.

        Quanno da un finestrino su per aria
        s'affacciò un antro Gatto: - Amico mio,
        pensa - je disse - che ce so' pur'io
        ch'appartengo a la classe proletaria!

        Io che conosco bene l'idee tue
        so' certo che quer pollo che te magni,
        se vengo giù, sarà diviso in due:
        mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni!

        - No, no: - rispose er Gatto senza core
        io nun divido gnente co' nessuno:
        fo er socialista quanno sto a diggiuno,
        ma quanno magno so' conservatore!
        Vota la poesia: Commenta