Scritta da: Silvana Stremiz

Carità cristiana

Er Chirichetto d'una sacrestia
sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto
pè castigallo d'una porcheria.
- Che fai? - je strillò er Prete ner vedello
- Ce vò un coraccio nero come er tuo
pè menaje in quer modo... Poverello!...
- Che? - fece er Chirichetto - er gatto è suo? -
Er Prete disse: - No... ma è mio l'ombrello! -.
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    La politica

    Ner modo de pensà c'è un gran divario:
    mì padre è democratico cristiano,
    e, siccome è impiegato ar Vaticano,
    tutte le sere recita er rosario;

    de tre fratelli, Giggi ch'er più anziano
    è socialista rivoluzzionario;
    io invece sò monarchico, ar contrario
    de Ludovico ch'è repubbricano.

    Prima de cena liticamo spesso
    pè via de 'sti principî benedetti:
    chi vò qua, chi vò là... Pare un congresso!

    Famo l'ira de Dio! Ma appena mamma
    ce dice che sò cotti li spaghetti
    semo tutti d'accordo ner programma.
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      L'eroe al caffè

      È stato al fronte, sì, ma col pensiero,
      però ti dà le spiegazioni esatte
      delle battaglie che non ha mai fatte,
      come vi fosse stato per davvero.

      Dovresti vedere come combatte
      nelle trincee d'Aragno! Che guerriero!
      Tre sere fa, per prendere il Montenero,
      ha rovesciato il bricco del latte!

      Col suo sistema di combattimento
      trova ch'è tutto facile: va a Pola,
      entra a Trieste e ti bombarda Trento.

      Spiana i monti, sfonda, spara, ammazza...
      - Per me - borbotta - c'è una strada sola...
      E intinge i biscotti nella tazza.
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Randle

        Lo specchio

        Ogni vorta che vado dar barbiere,
        ner vede quela fila de me stessi
        allineati come tanti fessi
        ner gioco che me fanno le specchiere,
        nun posso sta' se nu' je fo un versaccio
        pe' vedelli rifà quelo che faccio.
        Metto fòra la lingua e cento lingue
        me rifanno la stessa pantomima;
        ogni testa ubbidisce: da la prima
        all'urtima, ch'appena se distingue,
        pareno ammaestrate a la parola
        sotto er commanno d'una guida sola.
        Se invece penso a te, ciumaca mia,
        nun potrei garantì che, ner ricordo,
        queli me stessi vadino d'accordo
        come ner gioco de fisonomia;
        anzi, quarcuno dubbita e me pare
        che nun veda le cose troppo chiare.
        Qualunque idea me nasce ner cervello
        se cambia così presto e così spesso
        che nun fo in tempo de guardà me stesso
        che già er pensiero mio nun è più quello.
        Immaggina un po' tu quello che sorte
        da un omo che riflette cento vorte!
        Ciò fatto caso giusto stammattina;
        dopo d'avemme insaponato er viso
        er barbiere m'ha chiesto a l'improviso:
        - L'ha più rivista quela signorina?
        - Chi? - dico – Bice? - E m'è rimasta come
        la bocca amara né ridì quer nome...
        Subbito cento bocche, tutte eguale,
        piegate ne la smorfia d'un dolore,
        hanno inteso er rimpianto d'un amore,
        hanno ridetto er nome tale e quale;
        ma quant'idee diverse! quante cose
        leggevo in quele facce pensierose!
        Io dicevo: - Ormai tutto sfumò... -
        E quelli appresso: - Certo... - Chi lo sa?...
        - E se tornasse? - Che felicità!
        Ce faccio pace subbito... - Però...
        Doppo quela scenata che ce fu...
        è forse mejo che nun torni più.
        - Me ricordo li baci de quer giorno...
        - E quelo schiaffo che j'appiccicai...
        - Si, feci male... - Feci bene assai!
        Ciaveva un conte che je stava intorno...
        Era un'infame... - Un angelo... - Una strega...
        - Chi se la po' scordà? - Chi se ne frega! -
        E scoprivo in ognuno un pentimento,
        una gioja, un rimorso, un desiderio...
        Ma quanno me so' visto così serio
        m'è venuto da ride... E tutti e cento
        m'hanno risposto, pronti a la chiamata,
        con una risatina sminchionata.
        Trilussa
        Composta venerdì 11 maggio 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di