Scritta da: Elisabetta

Er pappagallo scappato

Lei me chiamò e me fece: - sarvatore,
er pappagallo jeri scappò via
perché nù richiudeste er coridore;
eccheve er mese, e fôr de casa mia. -

te pare carità, te pare core,
pè 'na bestiaccia fà 'sta bojeria,
mette in mezz'a 'na strada 'n servitore
che deve portà er pane a la famîa?...

ma io so tutto: er fatto der tenente,
le visite a firenze ar maresciallo,
la balia a nemi... e nun ho detto gnente.

Per cui stia attenta a lei, preghi er sù Dio,
ché se me caccia via p'en pappagallo
vedrà che pappagallo che sò io!
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    L'indovina de le carte1

    - Pe' fa' le carte quanto t'ho da dà?
    - Cinque lire. - Ecco qui; bada però
    che m'haio da di' la pura verità...
    - Nun dubbitate che ve la dirò.

    Voi ciavete un amico che ve vô
    imbrojà ne l'affari. - Nun pô sta
    perché l'affari adesso nu' li fo.
    - Vostra moje v'inganna. - Ma va' là!

    So' vedevo dar tempo der cuccù!
    - V'arimmojate. - E levete de qui!
    Ce so' cascato e nun ce casco più!

    - Vedo sur fante un certo nun so che...
    Ve so' state arubbate... - Oh questo sì:
    le cinque lire che t'ho dato a te.
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      In pretura

      - Alzatevi, accusata: vi chiamate?
      - Pia Tonzi. - Maritata? - Sissignora.
      - Con prole? - No... con uno che lavora...
      - D'anni? - Ventotto. - Che mestiere fate?

      - Esco la sera verso una cert'ora...
      - Già, comprendo benissimo, abbordate...
      - Oh, dico, sor pretore, rispettate
      l'onorabbilità d'una signora!

      - Ma le guardie vi presero al momento
      che facevate i segni ad un signore,
      scandalizzando tutto il casamento...

      - Loro potranno divve quer che vonno:
      ma io, su le questioni de l'onore,
      fo come li Ministri: nun risponno!
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        La cornacchia libberale

        Una cornacchia nera come un tizzo,
        nata e cresciuta drento 'na chiesola,
        siccome je pijo lo schiribbizzo
        de fa' la libberale e d'uscì sola,
        s'infarinò le penne e scappò via
        dar finestrino de la sacrestia.

        Ammalappena se trovò per aria
        coll'ale aperte in faccia a la natura,
        sentì quant'era bella e necessaria
        la vera libbertà senza tintura:
        l'intese così bene che je venne
        come un rimorso e se sgrullò le penne.

        Naturarmente, doppo la sgrullata,
        metà de la farina se n''agnede,
        ma la metà rimase appiccicata
        come una prova de la malafede.
        - Oh! - disse allora - mo' l'ho fatta bella!
        So' bianca e nera come un purcinella...

        - E se resti così farai furore:
        - je disse un Merlo - forse te diranno
        che sei l'ucello d'un conservatore,
        ma nun te crede che te faccia danno:
        la mezza tinta adesso va de moda
        puro fra l'animali senza coda.

        Oggi che la coscenza nazzionale
        s'adatta a le finzioni de la vita,
        oggi ch'er prete è mezzo libberale
        e er libberale è mezzo gesuita,
        se resti mezza bianca e mezza nera
        vedrai che t'assicuri la cariera.
        Trilussa
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di