Scritta da: Silvana Stremiz

La poesia

Appena se ne va l'urtima stella
e diventa più pallida la luna
c'è un Merlo che me becca una per una
tutte le rose de la finestrella:
s'agguatta fra li rami de la pianta,
sgrulla la guazza, s'arinfresca e canta.

L'antra matina scesi giù dar letto
cò l'idea de vedello da vicino,
e er Merlo furbo che capì el latino
spalancò l'ale e se n'annò sur tetto.
-- Scemo! -- je dissi -- Nun t'acchiappo mica... --
E je buttai dù pezzi de mollica.

-- Nun è -- rispose er Merlo -- che nun ciabbia
fiducia in te, ché invece me ne fido:
lo so che nu m'infili in uno spido,
lo so che nun me chiudi in una gabbia:
ma sei poeta, e la paura mia
è che me schiaffi in una poesia.

È un pezzo che ce scocci cò li trilli!
Per te, l'ucelli, fanno solo questo:
chiucchiù, ciccì, pipì... Te pare onesto
de facce fa la parte d'imbecilli
senza capì nemmanco una parola
de quello che ce sorte da la gola?

Nove vorte su dieci er cinguettio
che te consola e t'arillegra er core
nun è pè gnente er canto de l'amore
o l'inno ar sole, o la preghiera a Dio:
ma solamente la soddisfazzione
d'avè fatto una bona diggestione.
Trilussa
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    La Cecala d'oggi

    Una Cecala, che pijava er fresco
    all'ombra der grispigno e de l'ortica,
    pe' da' la cojonella a 'na Formica
    cantò 'sto ritornello romanesco:
    - Fiore de pane,
    io me la godo, canto e sto benone,
    e invece tu fatichi come un cane.
    - Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:
    - rispose la Formica -
    nun t'hai da crede mica
    ch'er sole scotti sempre come er foco!
    Amomenti verrà la tramontana:
    commare, stacce attenta... -
    Quanno venne l'inverno
    la Formica se chiuse ne la tana.
    ma, ner sentì che la Cecala amica
    seguitava a cantà tutta contenta,
    uscì fòra e je disse: - ancora canti?
    ancora nu' la pianti?
    - Io? - fece la Cecala - manco a dillo:
    quer che facevo prima faccio adesso;
    mó ciò l'amante: me mantiè quer Grillo
    che 'sto giugno me stava sempre appresso.
    Che dichi? l'onestà? Quanto sei cicia!
    M'aricordo mi' nonna che diceva:
    Chi lavora cià appena una camicia,
    e sai chi ce n'ha due? Chi se la leva.
    Trilussa
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      La maschera

      Vent'anni fa m'ammascherai pur'io!
      E ancora tengo er grugno de cartone
      che servì p'annisconne quello mio.
      Sta da vent'anni sopra un credenzone
      quela Maschera buffa, ch'è restata
      sempre co' la medesima espressione,
      sempre co' la medesima risata.
      Una vorta je chiesi: - E come fai
      a conservà lo stesso bon umore
      puro ne li momenti der dolore,
      puro quanno me trovo fra li guai?
      Felice te, che nun te cambi mai!
      Felice te, che vivi senza core! -
      La Maschera rispose: - E tu che piagni
      che ce guadagni? Gennte! Ce guadagni
      che la genti dirà: Povero diavolo,
      te compatisco... me dispiace assai...
      Ma, in fonno, credi, nun j'importa un cavolo!
      Fa' invece come me, ch'ho sempre riso:
      e se te pija la malinconia
      coprete er viso co' la faccia mia
      così la gente nun se scoccerà... -
      D'allora in poi nascónno li dolori
      de dietro a un'allegia de cartapista
      e passo per un celebre egoista
      che se ne frega de l'umanità!
      Trilussa
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        Er ministro novo

        Guardelo quant'è bello! Dar saluto
        pare che sia una vittima e che dica:
        - Io veramente nun ciambivo mica;
        è stato proprio el Re che l'ha voluto! -

        Che faccia tosta, Dio lo benedica!
        Mó dà la corpa ar Re, ma s'è saputo
        quanto ha intrigato, quanto ha combattuto...
        Je n'è costata poca de fatica!

        Mó va gonfio, impettito, a panza avanti:
        nun pare più, dar modo che cammina,
        ch'ha dovuto inchinasse a tanti e tanti...

        Inchini e inchini: ha fatto sempre un'arte!
        Che novità sarà pe' quela schina
        de sentisse piegà dall'antra parte!
        Trilussa
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisabetta

          Er sorcio de città e er sorcio de campagna

          Un Sorcio ricco de la capitale
          invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
          - Vedrai che bel locale,
          vedrai come se magna...
          - je disse er Sorcio ricco - Sentirai!
          Antro che le caciotte de montagna!
          Pasticci dorci, gnocchi,
          timballi fatti apposta,
          un pranzo co' li fiocchi! una cuccagna! -
          L'intessa sera, er Sorcio de campagna,
          ner traversà le sale
          intravidde 'na trappola anniscosta;
          - Collega, - disse - cominciamo male:
          nun ce sarà pericolo che poi...?
          - Macché, nun c'è paura:
          - j'arispose l'amico - qui da noi
          ce l'hanno messe pe' cojonatura.
          In campagna, capisco, nun se scappa,
          ché se piji un pochetto de farina
          ciai la tajola pronta che t'acchiappa;
          ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.
          Le trappole so' fatte pe' li micchi:
          ce vanno drento li sorcetti poveri,
          mica ce vanno li sorcetti ricchi!
          Trilussa
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di