Poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Balcune e llogge

Comme a na reggia, ricca e capricciosa,
ammubbigliaie sta casa 'e tutt' 'e ccose
che saccio che piacevano a sta sposa,
balcune e llogge carrecate 'e rose;
'ncoppa 'o buffè cunfiette e sciure 'e sposa,
Ch'addore 'e sciure 'arancio pe sta casa!
Sta casa c'addurava 'e mille rose,
che festa dinto a ll'aria s'era spasa!

Balcune e llogge carrecate 'e rose.
Mo sò rimasto sulo into a sta casa;
mme guardo attuorno e veco tutt' 'e ccose,
ma 'a sposa nun ce stà stà fore casa.

È morta... Se n' è ghiuta 'mparaviso!
Pecché nun porto 'o llutto? - Nun è cosa,-
rispongo 'a ggente e faccio 'o pizzo a rriso,
ma dinto 'o core è tutto n'ata cosa!
Totò (Antonio de Curtis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    Ngiulina

    Chisto è 'o ritratto e chiste so' 'e capille:
    na ciocca 'e seta nera avvellutata.
    E cheste songo 'e llettere: cchiù 'e mille;
    lettere 'e 'na guagliona nnammurata.
    Ngiulina se chiammava sta figliola
    ch'è stata 'a primma nnammurata mia.
    Trent'anne sò passate... Mamma mia!

    'A tengo nnanze a ll'uocchie, pare aiere:
    vocca 'e curallo, 'na faccella 'e cera,
    'nu paro d'uocchie verde, 'e cciglie nere,
    senza russetto... semplice e sincera.

    Teneva sidece anne e io diciotto.
    Faceva 'a sartulella a 'o Chiatamone.
    Scenneva d' 'a fatica 'mpunto ll'otto,
    e mm'aspettava a me sotto 'o purtone.

    Senza parlà, subbeto sotto 'o vraccio
    nce pigliavemo e ghievemo a ffà ammore.
    Vicino 'a casa soia, 'ncoppa Brancaccio,
    parole doce e zucchero int' 'o core.

    Mettennoce appuiate 'nfaccia 'o muro,
    a musso a mmusso, tutt' e dduie abbracciate:
    dint' 'a penombra 'e n' angulillo oscuro,
    quanta suspire e vvase appassiunate!

    'A tengo nnanze a ll'uocchie, pare aiere:
    vocca 'e curallo, na faccella 'e cera;
    nu paro d'uocchie verde, 'e cciglie nere,
    senza russetto... semplice e sincera.
    Totò (Antonio de Curtis)
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di