Le migliori poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Ma che dulore!

State a sentì, ve voglio dì na cosa,
ma nun m'aita chiammà po' scustumato;
chello ca v'aggia dì è na quaccosa
ca i' penso che vvuje ggià nn'ite parlato.
Sta cusarella è ccosa ca sta a cuore
a tuttequante nuje napulitane:
sentennela 'e struppià, ma che dulore,
p'arraggia 'e vvote me magnasse 'e mmane!

Ma nun è proprio chisto l'argomento,
si 'a 'nguaiano o no la povera canzone...
Sanno parlà sultanto 'e tradimento!
'A verità, stu fatto m'indispone.

Na vota se cantava " 'O sole mio ",
"Pusilleco... Surriento... Marechiaro",
" 'O Vommero nce stà na tratturia "...
"A purpe vanno a ppesca cu 'e llampare"...

Chelli parole 'e sti canzone antiche,
mettevano int' 'o core n'allerezza;
chesti pparole 'e mo?... Che ffà... V' 'o ddico?
Nun è pe criticà: sò na schifezza!

"Torna cu mme... nun 'mporta chi t'ha avuta"
" 'O ssaccio ca tu ggià staje 'mbraccio a n'ato"...
"Stongo chiagnenno 'a che te ne si gghiuta"...
"Che pozzo fà s'io songo 'nnammurato"...

Mettimmece na pezza, amici cari,
e nun cantammo cchiù: "Tu m'he traduto".
Sentenno sti ccanzone, a mme me pare,
'e sta' a sentì 'o lamiento d' 'e curnute!
Totò (Antonio de Curtis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    Bianchina

    Io stongo 'e casa a 'o vico Paraviso
    tengo tre stanze all'urdemo piano,
    int' 'a stagione, maneche e 'ncammisa,
    mmocca nu miezo sigaro tuscano,
    mme metto for' 'a loggia a respirà.
    Aiere ssera, quase a vintun'ora,
    mentre facevo 'a solita fumata,
    quanno mme sento areto nu rummore:
    nu fuja-fuja... na specie 'e secutata...
    Mm'avoto 'e scatto e faccio: "Chi va là?".

    Appizzo ll'uocchio e veco 'a dint' 'o scuro
    Bianchina, ferma 'nnanze a nu pertuso
    'e chesta posta! Proprio sott' 'o muro.
    Ma dato ch'era oscuro... era confuso,
    non si vedeva la profondità.

    St'appustamento ca faceva 'a gatta,
    a ddì la verità, mme 'ncuriosette...
    Penzaie:"Ccà nun mme pare buono 'o fatto:
    e si Bianchina 'e puzo nce ne mette,
    vuol dire qualche cosa nce adda stà".

    E, comme infatti, nun m'ero sbagliato:
    dentro al pertuso c'era un suricillo
    cu ll'uocchie 'a fore... tutto spaventato,
    ...'o puveriello nun era tranquillo,
    pensava: Nun m' 'a pozzo scapputtià.

    Tutto a nu tratto 'o sorice parlaie
    cu na parlata in italiano puro:
    "Bianchina, ma perché con me ce l'hai?
    Smettila, via, non farmi più paura!".
    Dicette 'a gatta: "I' nun mme movo 'a ccà!".

    "Pietà, pietà, pietà! Che cosa ho fatto?".
    E s'avutaie 'e botto 'a parte mia:
    «Signore, per piacere, dica al suo gatto
    che mi lasciasse in pace e così sia!".
    "Va bene, va', Bianchì... lascelo stà!".

    "Patrò, trasitevenne 'a parte 'e dinto,
    che rispunnite a ffà mmiezzo a sti fatte?
    Stu suricillo ca fa 'o lindo e pinto,
    mme ll'aggia spiccià io ca songo 'a gatta,
    si no ccà 'ncoppa che ce stongo a ffà?".

    "Va bene, - rispunnette 'mbarazzato -
    veditavella vuie sta questione,
    però ccà 'ncoppa nun voglio scenate;
    e ricordate ca songh'io 'o padrone
    e si rispetta l'ospitalità".

    "E inutile che staje dint' 'o pertuso,
    -'a gatta lle dicette - chesta è 'a fine...
    Si cride 'e te scanzà, povero illuso!
    He fatto 'o cunto ma senza Bianchina...
    Songo decisa e nun mme movo 'a ccà!".

    "Pietà di me! Pietà, Bianchina bella!".
    Chiagneva e 'mpietto lle tremava 'a voce,
    cosa ca te faceva arriccià 'a pella.
    Povero suricillo, miso 'ncroce
    senza speranza 'e se pute salvà!

    "Va buo', pe chesta vota, 'izela 'a mano,
    cerca d' 'o fà fui stu suricillo,
    chello ca staje facenno nun à umano,
    te miette 'ncuollo a chi à cchiù piccerillo...
    Embe, che songo chesti nnuvità?".

    "'O munno è ghiuto sempe 'e sta manera:
    'o pesce gruosso magna 'o piccerillo
    (mme rispunnette 'a gatta aiere ssera).
    Pur'io aggio perduto nu mucillo
    mmocca a nu cane 'e presa; ch'aggia fà?".

    "Ma cosa c'entro io con quel cagnaccio!
    Anch'io ho una mammina che mi aspetta:
    Gesù Bambino, più non ce la faccio!
    Nella mia tana vo' tornare in fretta;
    se non mi vede mamma mia morrà"»

    'O suricillo già vedeva 'a morte
    e accumminciaie a chiagnere a dirotto,
    'o core lle sbatteva forte forte,
    e p' 'a paura se facette sotto.
    Mm'avoto e faccio 'a gatta: "Frusta llà!".

    'A gatta se facette na resata,
    dicette: "E se po' iate int' 'a cucina
    e truvate 'o formaggio rusecato,
    pecché po' v' 'a pigliate cu Bianchina?
    Chisto è 'o duvere mio... chesto aggia fà!".

    In fondo in fondo, 'a gatta raggiunava:
    si mm' 'a tenevo in casa era p' 'o scopo;
    dicimmo 'a verità, chi s' 'a pigliava
    si me teneva 'a casa chiena 'e topi?
    Chiaie 'e spalle e mme jette a cuccà!
    Totò (Antonio de Curtis)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso

      Viola d'ammore

      Pe nun me scurdà 'e te aggio piantato
      dint'a nu vase argiento,na violetta
      cu 'e llacreme 'e chist'uocchie l'aggio arracquata
      e ll'aggio mise nomme:"Oh mia diletta!".
      E songhe addeventato 'o ciardiniere
      'e chesta pianta...simbolo d'ammore
      "Oh dolce violetta del pensiero...
      ...he mise na radice int'a stu core!".
      Totò (Antonio de Curtis)
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di