Le migliori poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Chi è ll'ommo?

Nun songo nu grand'ommo
nun songo nu scienziato.
'A scola nun sò gghiuto
nisciuno m'ha mannato.
S' i' songo intelliggente?
e m' 'o spiate a mme?
I' songo nato a Napule,
che ne pozzo sapè?!
Appartengo alla massa...
a chella folla 'e ggente
ca nun capisce proprio 'o riesto 'e niente.
Però ve pozzo dicere na cosa:
campanno notte e ghiuomo a stu paese
pur i' me sò 'mparato quacche cosa,
quaccosa ca se chiamma umanità.
Senza sapè nè leggere e nè scrivere,
da onesto cittadino anarfabbeta,
ve pozzo parlà 'ncopp' a n' argomento
ca certamente ve pò interessà: chi è ll'ommo.
Ll'ommo è nu pupazzo 'e carne
cu sango e cu cervello
ca primma 'e venì al mondo
(cioè 'ncopp' a sta terra)
madre natura, ca è sempre priviggente,
l'ha miso 'nfunno 'a ll'anema,
cusuto dint'o core, na vurzella
cu dinto tante e tante pupazzielle
che saccio: 'o mariuncello,
na strega 'e Beneviento,
nu scienziatiello atomico
cu a faccia indisponente,
nu bello Capo 'e Stato
vestuto 'a Pulcinella;
curtielle, accette, strummolo
e quacche sciabbulella.
Penzanno ca 'o pupazzo
nu juomo se fa ommo,
si se vò divertì,
chesto 'o ppò fà. E comme?
Sceglienno 'a dint' 'o mazzo
ca tene dint' 'a vurzella,
chello ca cchiù lle piace
fra tutte 'e pazzielle.
Si po' sentite 'e dicere:
"'O tale hanno arrestato!
Era uno senza scrupolo:
pazziava al peculato.
E trene nun camminano?
'A posta s'he fermata?".
Chi tene 'mmano 'o strummolo,
pazzianno s'he spassato.
'O scienziatiello atomico
ch' 'a bomba 'a tena stretta
"Madonna! - tremma 'o popolo-
E si mo chisto 'a jetta?".
Guardate che disgrazia
si 'a sciabbulella afferra
nu capo ca è lunatico:
te fa scuppià na guerra.
Senza penzà ca 'o popolo:
mamme, mugliere e figlie,
chiagneno a tante 'e lacreme.
Distrutte sò 'e famiglie!
A sti pupazze 'e carne affocaggente
l'avessame educà cu 'o manganiello,
oppure, la natura priviggente,
avess' 'a fa turnà nu Masaniello.
Ma 'e ccose no... nun cagnano
e v' 'o dich'i' 'o pecché:
nuie simme tanta pecure...
facimmo sempe "mbee".
Totò (Antonio de Curtis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    'A 'mmasciata

    Nu caro amico dice a n'ato amico:
    - Pe mezza toja me songo appiccecato.
    Tu vuò sapè cu cchi?
    No, nun t' 'o ddico.
    Statte tranquillo, l'aggio sistemato.
    Afforza 'o vvuò sapè? E mo t' 'o ddico,
    ma tu nun 'o cunusce, è n'imbecille.
    Na vota s' 'a faceva int' a stu vico,
    mo pare ca sta 'e casa a Via dei Mille.

    Ch'ha ditto? Niente... L'aggio sistemato.
    Mo nun s'azzarda cchiù a fà 'o fetente.
    Ha ditto ca tu si nu disgraziato;
    ma nun 'o dà importanza, è n'ommo 'e niente.

    E ch'ato ha ditto? 'E solde nun se fanno
    onestamente senza n'espediente,
    si 'a ggente parla, ride, è pecché sanno
    comme te l'he accattata 'a milleciento...

    Che ssaccio, ca mugliereta ch'ha fatto,
    ca tu te stive zitto, ire cuntento,
    ca te 'mparaste pure a ffà 'o distratto
    e doppo t'accattaste appartamento.

    Sentenno sti parole, tu mme saje,
    'o sango a parte a capa m'è sagliuto:
    Che faccio? Accido a chisto... 'o passo 'o guaio...
    Sentenno 'e di ca si pure curnuto,

    nun ce aggio visto cchiù: l'aggio 'nchiantato
    senza le dà nemmanco 'a bonasera.
    Sta lezione se l'ha mmeretata,
    'nfaccia a sti ccose io songo assaje severo!

    Aprite ll'uocchie si n'amico vuosto
    ve vene a raccuntà ca v'ha difeso
    'a quacche malalengua: è stu cagliostro
    ca isso stesso ve vò fà l'offesa.

    E quante nce ne stanno 'e chiste amice
    ca songo "cari amici"... e nun è overo.
    Guardatele int' 'a ll'uocchie... sò felice
    quanno fanno vedè ca sò sincere.

    'A nonna mia, vicchiarella e saggia,
    diceva sempe: - Nce sta 'o ditto antico:
    Chi 'mmasciata te porta, vance adagio,
    ca 'ngiuria te vò fà... e nun è amico. -
    Totò (Antonio de Curtis)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilù Rossi

      'O schiattamuorto

      Ì faccio 'o schiattamuorto 'e prufessione,
      modestamente songo conosciuto
      pè tutt'e ccase 'e dinto a stu rione,
      peccheè quann'io manèo 'nu tavuto,
      songo 'nu specialista 'e qualità.

      Ì tengo mode, garbo e gentilezza.
      'O muorto nmano a me pò stà sicuro,
      ca nun ave 'nu sgarbo, 'na schifezza.
      Io 'o tratto comme fosse 'nu criaturo
      che dice 'o pate, mme voglio jì a cuccà.

      E 'o co'cco luongo, stiso 'int"o spurtone,
      oure si è viecchio pare n'angiulillo.
      'O muorto nun ha età, è 'nu guaglione
      ca s'è addurmuto placido e tranquillo
      'nu suonno doce pè ll'eternità.

      E 'o suonno eterno tene stu vantaggio,
      ca si t'adduorme nun te scite maie.
      Capisco, pè murì 'nce vò 'o curaggio;
      ma quanno chella vene tu che ffaie?
      Nn'a manne n'ata vota all'al di là?

      Chella nun fa 'o viaggio inutilmente.
      Chella nun se ne va maie avvacante.
      Sì povero, sì ricco, sì putente,
      'nfaccia a sti ccose chella fa a gnurante,
      comme a 'nu sbirro che t'adda arrestà.

      E si t'arresta nun ce stanno sante,
      nun ce stanno raggione 'a fà presente;
      te ll'aggio ditto, chella fa 'a gnurante...
      'A chesta recchia, dice, io nun ce sento;
      e si nun sente, tu ch'allucche a ffà?

      'A morta, 'e vvote, 'e comme ll'amnistia
      che libbera pè sempe 'a tutt'e guaie
      a quaccheduno ca, parola mia,
      'ncoppa a sta terra nun ha avuto maie
      'nu poco 'e pace... 'na tranquillità.

      E quante n'aggio visto 'e cose brutte:
      'nu muorto ancora vivo dinto 'o lietto,
      'na mugliera ca già teneva 'o llutto
      appriparato dinto a nù cassetto,
      aspettanno 'o mumento 'e s'o 'ngignà.

      C'è quacche ricco ca rimane scritto:
      " Io voglio un funerale 'e primma classe! ".
      E 'ncapo a isso penza 'e fà 'o deritto:
      " Così non mi confondo con la massa ".
      Ma 'o ssape, o no, ca 'e llire 'lasse ccà?!

      'A morta è una, 'e mezze songhe tante
      ca tene sempe pronta sta signora.
      Però, 'a cchiù trista è " la morte ambulante "
      che può truvà p'a strada a qualunq'ora
      (comme se dice?... ) pè fatalità.

      Ormai per me il trapasso è 'na pazziella;
      è 'nu passaggio dal sonoro al muto.
      E quanno s'è stutata 'a lampella
      significa ca ll'opera è fernuta
      e 'o primm'attore s'è ghiuto a cuccà.
      Totò (Antonio de Curtis)
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lucia Galasso

        L'acquaiola

        Ogni matina scengo a Margellina,
        me guardo 'o mare, 'e vvarche e na figliola
        ca stà dint'a nu chiosco: è n'acquaiola.
        Se chiamma Teresina,
        si e no tene vint'anne,
        capille curte nire nire e riccie,
        na dentatura janca comm' 'a neve,
        ncuollo tene 'a salute 'e na nutriccia
        e na guardata d'uocchie
        ca songo ddoje saette,
        sò fulmine, sò lampe, songo tuone!
        E i' giuro e ce scummetto
        ca si resuscitasse Pappagone,
        muresse cu n' 'nfarto
        guardanno sta guagliona.
        Essa ha capito ca i' sò nu cliente
        ca 'e ll'acqua nun me ne 'mporta proprio niente
        e me l'ha ditto cu bella maniera:
        "Signò, cagnate strada... cu mme sta poco 'a fà
        se chiamma Geretiello... è piscatore.
        Fatica dint' 'a paranza 'e don Aniello".
        Ma i' niente, tuosto corro ogni matína,
        me vevo ll'acqua...
        e me 'mbriaco comme fosse vino.
        Totò (Antonio de Curtis)
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di