Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Dick

Tengo 'nu cane ch'è fenomenale,
se chiama "Dick", 'o voglio bene assaie.
Si perdere l'avesse? Nun sia maie!
Per me sarebbe un lutto nazionale.
Ll 'aggio crisciuto comm'a 'nu guaglione,
cu zucchero, biscotte e papparelle;
ll'aggio tirato su cu 'e mmullechelle
e ll'aggio dato buona educazione.

Gnorsì, mo è gruosso. È quase giuvinotto.
Capisce tutto... Ile manca 'a parola.
È cane 'e razza, tene bbona scola,
è lupo alsaziano, è polizziotto.

Chello ca mo ve conto è molto bello.
In casa ha stabilito 'a gerarchia.
Vò bene ' a mamma ch'è 'a signora mia,
e a figliemo isso 'o tratta da fratello.

'E me se penza ca lle songo 'o pate:
si 'o guardo dinto a ll'uocchiemme capisce,
appizza 'e rrecchie, corre, m'ubbidisce,
e pè fà 'e pressa torna senza fiato.

Ogn'anno, 'int'a ll'estate, va in amore,
s'appecundrisce e mette 'o musso sotto.
St'anno s'è 'nnammurato 'e na basotta
ca nun ne vò sapè: nun è in calore.

Povero Dick, soffre 'e che manera!
Porta pur'isso mpietto stu dulore:
è cane, si... ma tene pure 'o core
e 'o sango dinto 'e vvene... vo 'a mugliera...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    Il dramma di Don Ciccio Caccavalle

    'O terzo piano, int' 'o palazzo mio,
    a pporta a mme sta 'e casa na famiglia,
    ggente per bene... timorata 'e Ddio:
    marito, moglie, 'o nonno e quatto figlie.
    'O capo 'e casa, 'On Ciccio Caccavalle,
    tene na putechella int' 'o Cavone:
    venne aucielle, scigne e pappavalle,
    ma sta sempe arretrato c' 'opesone.

    'E chisti tiempe 'a scigna chi s' 'a compra?!
    Venne ogni morte 'e papa n'auciello;
    o pappavallo è addiventato n'ombra,
    nun parla cchiù p' 'a famma, 'o puveriello!

    'A moglie 'e Caccavalle, Donn'Aminta,
    è una signora con le mani d'oro:
    mantene chella casa linda e pinta
    ca si 'a vedite è overo nu splendore.

    'O nonno, sittant'anne, malandato,
    sta segregato dint'a nu stanzino:
    'O pover'ommo sta sempe malato,
    tene 'e dulure, affanno e nun cammina.

    E che bbuò fà! Nce vonno 'e mmedicine,
    a fella 'e carne, 'o ppoco 'e muzzarella...
    Magnanno nce 'o vuò dà 'o bicchiere 'e vino
    e nu tuscano pe na fumatella?

    'A figlia, Donn'Aminta, notte e ghiuorno
    fa l'assistenza al caro genitore;
    trascura 'e figlie e nun se mette scuorno,
    e Don Ciccillo sta cu ll'uocchie 'a fora.

    Don Ciccio Caccavalle, quanno è 'a sera
    ca se ritira, sta sempe ammurbato
    pe vvia d' 'o nonno ('o pate d' 'a mugliera),
    e fa: - Che ddiece 'e guaio ch'aggio passato. -

    Fra medicine, miedece e salasse
    'o pover'ommo adda purtà sta croce.
    Gli affari vanno male, non s'incassa,
    e 'o viecchio nun è carne ca lle coce.

    E chesto è overo... 'On Ciccio sta nguaiato!
    Porta sul'issso 'o piso 'ncoppa 'e spalle;
    'o viecchio nun'è manco penzionato
    e s'è appuiato 'ncuollo a Caccavalle.

    'O viecchio no... nun vò senti raggione.
    Pretenne 'a fella 'e carne, 'a muzzarella...
    'A sera po', chello ca cchiù indispone:
    - Ciccì, mme l'he purtata 'a sfugliatella? -

    Don Ciccio vò convincere 'a mugliera,
    ca pure essendo 'a figlia, ragiunasse:
    - 'O vicchiariello soffre 'e sta manera...
    è meglio ca 'o Signore s' 'o chiammasse! -

    E infatti Caccavalle, ch'è credente,
    a San Gennaro nuosto ha fatt' 'o vuto:
    - Gennà, si 'o faje murì te porto argiento!...
    sta grazia me l'he fà... faccia 'ngialluta! -

    Ma Caccavalle tene n'attenuante,
    se vede ca nun naviga int' a ll'oro...
    Invece io saccio 'e ggente benestante
    che tene tant' 'e pile 'ncopp' 'o core!
    Vota la poesia: Commenta