Le migliori poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Sarchiapone e Ludovico

Teneva diciott'anne Sarchiapone,
era stato cavallo ammartenato,
ma... ogne bella scarpa nu scarpone
addeventa c' 'o tiempo e cu ll'età.
Giuvinotto pareva n'inglesino,
uno 'e chilli cavalle arritrattate
ca portano a cavallo p' 'o ciardino
na signorina della nobiltà.

Pronto p'asc'i sbatteva 'e ccianfe 'nterra,
frieva, asceva 'o fummo 'a dint' 'o naso,
faville 'a sotto 'e piere, 'o ffuoco! 'A guerra!
S'arrevutava tutt' 'a Sanità.

Ma... ogni bella scarpa nu scarpone
c' 'o tiempo addeventammo tutte quante;
venette pure 'o turno 'e Sarchiapone.
Chesta è la vita! Nun ce sta che ffà.

Trista vicchiaja. Che brutto destino!
Tutt' 'a jurnata sotto a na carretta
a carrià lignammo, prete, vino.
"Cammina, Sarchiapò! Cammina, aah!".

'O carrettiere, 'nfamo e disgraziato,
cu 'a peroccola 'nmano, e 'a part' 'o gruosso,
cu tutt' 'e fforze 'e ddà sotto 'o custato
'nfaccia 'a sagliuta p' 'o fà cammenà.

A stalla ll'aspettava Ludovico,
nu ciucciariello viecchio comm' a isso:
pe Sarchiapone chisto era n'amico,
cumpagne sotto 'a stessa 'nfamità.

Vicino tutt' 'e ddute: ciuccio e cavallo
se facevano 'o lagno d' 'a jurnata.
Diceva 'o ciuccio: "I' nce aggio fatto 'o callo,
mio caro Sarchiapone. Che bbuò fà?

lo te capisco, tu te si abbeluto.
Sò tutte na maniata 'e carrettiere,
e, specialmente, 'o nuosto,è 'o cchiù cornuto
ca maie nce puteva capità.

Sienteme bbuono e vide che te dico:
la bestia umana è un animale ingrato.
Mm' he a credere... parola 'e Ludovico,
ca mm' è venuto 'o schifo d' 'o ccampà.

Nuie simmo meglio 'e lloro, t' 'o ddico io:
tenimmo core 'mpietto e sentimento.
Chello ca fanno lloro? Ah, no, pe ddio!
Nisciuno 'e nuie s' 'o ssonna maie d' 'o ffà.

E quanta vote 'e dicere aggio 'ntiso:
"'A tale ha parturito int' 'a nuttata
na criatura viva e po' ll'ha accisa.
Chesto na mamma ciuccia nun 'o ffà!".

"Tu che mme dice Ludovico bello?!
Overo 'o munno è accussi malamente?".
"E che nne vuo sapè, caro fratello,
nun t'aggio ditto tutta 'a verità.

Tu si cavallo, nobile animale,
e cierti ccose nun 'e concepisce.
I' so plebbeo e saccio tutt' 'o mmale
ca te cumbina chesta umanità".

A sti parole 'o ricco Sarchiapone
dicette: "Ludovì, io nun ce credo!
I' mo nce vò, tenevo nu padrone
ch'era na dama, n'angelo 'e buntà.

Mm'accarezzava comm'a nu guaglione,
mme deva 'a preta 'e zucchero a quadrette;
spisse se cunzigliava c' 'o garzone
(s'io stevo poco bbuono) ch' eva fà".

"Embè! - dicette 'o ciuccio - Mme faie pena.
Ma comme, tu nun l'he capito ancora?
Si, ll'ommo fa vedè ca te vò bbene
è pe nu scopo... na fatalità.

Chi pe na mano, chi pe n'ata mano,
ognuno tira ll'acqua al suo mulino.
So chiste tutte 'e sentimente umane:
'a mmiria, ll'egoismo, 'a falsità.

'A prova è chesta, caro Sarchiapone:
appena si trasuto int' 'a vicchiaia,
pe poche sorde, comme a nu scarpone,
t'hanno vennuto e si caduto ccà.

Pe sotto a chillu stesso carruzzino
'o patruncino tuio n'atu cavallo
se ll' è accattato proprio stammatina
pe ghi currenno 'e pprete d' 'a città".

'O nobbile animale nun durmette
tutt' 'a nuttata, triste e ll'uocchie 'nfuse,
e quanno avette ascì sott' 'a carretta
lle mancavano 'e fforze pe tirà.

"Gesù, che delusione ch'aggio avuto!"-
penzava Sarchiapone cu amarezza.
"Sai che ti dico? Ll'aggia fa fernuta,
mmiezo a sta gente che nce campo a ffà?"

E camminanno a ttaglio e nu burrone,
nchiurette ll'uocchie e se menaie abbascio.
Vulette 'nzerrà 'o libbro Sarchiapone,
e se ne jette a 'o munno 'a verità.
Totò (Antonio de Curtis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilù Rossi

    Ricunuscenza

    Stanotte 'a dint' 'o lietto cu 'nu strillo
    aggio miso arrevuoto tutt' 'a casa,
    mme sò mmiso a zumpà comme a n'arillo...
    E nun mme faccio ancora persuaso.

    Ma comme, dico io po', cù tanta suonne
    ì mme sò ghiuto a ffa, 'o cchiù malamente;
    sti suonne songo suonne ca te pònno
    fà rummanè stecchito comme a niente.

    Ì steve allerta 'ncoppa a 'na muntagna
    Tutt'a 'nu tratto sento 'nu lamiento,
    'O pizzo addò stev'ì era sulagno...
    Dicette ncapo a me: E chisto è 'o viento!

    Piglio e mme mengo pè 'nu canalone
    e veco sott'a n'albero piangente
    'nu fuosso chino 'e prete a cuppulone...
    e sotto a tutto steva 'nu serpente.

    "Aiuto! Aiuto!" 'O povero anìmale
    se mettette alluccà cu tutt' 'o sciato!
    Appena mme vedette: "Menu male!...
    Salvatemi! Ì mo moro asfessiato!"

    "E chi t'ha cumbinato 'e sta manera?"
    ll'addimannaje mentr' 'o libberavo.
    "E stato 'nu signore aieressera"
    mme rispunnette, e ggià se repigliava.

    "Si nun era pè vvuje ì ccà murevo.
    Faciteve abbraccià, mio salvatore!"
    Mme s'arravoglia attuorno e s'astrigneva
    ca n'atu ppoco mme schiattava 'o core.

    "Lassame!" lle dicette " 'O vvì ca ì moro? "
    E chianu chiano mme mancava 'a forza,
    'o core mme sbatteva... ll'uocchie 'a fore,
    mentre 'o serpente cchìù strigneva 'a morza!

    "Chisto è 'o ringraziamento ca mme faje?
    Chesta è 'a ricunuscenza ca tu puorte?
    A chi t'ha fatto bbene chesto faje?
    Ca sì cuntento quanno 'o vide muorto!"

    "Amico mio, serpente ì songo nato!...
    ... Chi nasce serpe è 'nfamo e senza core!...
    ... Perciò t'aqgia mangià! Ma t'hê scurdato
    ... ca Il'ommo, spisso, fa cchiù peggio ancora?!".
    Totò (Antonio de Curtis)
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di