Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

Che me manca!

I' tengo 'e llire, nun me manca niente,
me pozzo accattà chello ca me piace:
na statua d'oro, nu vapore argiento...
palazze, ville... case in quantità.
- Chi è cchiù felice 'e te?! - mme dice 'a ggente.
- Si ricco, si guaglione... che te manca? -
E chest' è overo, nun me manca niente.
Sulo na cosa mme vurria accattà...

Nu core... tutto core 'e tennerezza
ca me vulesse na muntagna 'e bbene...
ca me sbattesse 'mmano p' 'a priezza,
cuntento pe mme dà 'a felicità.

Dipende a me; nun voglio aspettà ancora.
Tuzzuliaje a porta 'e na figliola:
- Che t'aggia dà pe m'accattà stu core?
Qualunque prezzo, dì, che t'aggia dà? -

Me rispunnette cu bella maniera:
- 'O core nun se venne... se riala...
crediteme, ca io ve sò sincera...
cu 'e llire 'o core nun se pò accattà!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilù Rossi

    'A vita

    'A vita è bella, sì, è stato un dono,
    un dono che ti ha fatto la natura.
    Ma quanno po' sta vita è 'na sciagura,
    vuie mm' 'o chiammate dono chisto ccà ?

    E nun parlo pè me ca, stuorto o muorto,
    riesco a mm'abbuscà 'na mille lire.
    Tengo 'a salute e, non faccio per dire,
    songo uno 'e chille ca se fire 'e fà.

    Ma quante n'aggio visto 'e disgraziate :
    cecate, ciunche, scieme, sordomute.
    Gente ca nun ha visto e maie avuto
    'nu poco 'e bbene 'a chesta umanità.

    Guerre, miseria, famma, malatie,
    crestiane addeventate pelle e ossa,
    e tanta gioventù c' 'o culo 'a fossa.
    Chisto nun è 'nu dono, è 'nfamità..
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso

      Preghiera del clown

      Più ho voglia di piangere e più gli uomini si divertono,
      ma non importa, io li perdono, un po' perché essi non sanno,
      un po' per amor Tuo e un po' perché hanno pagato il biglietto.
      Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene,
      rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola,
      ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura.

      C'è tanta gente che si diverte a far piangere l'umanità,
      noi dobbiamo soffrire per divertirla.
      Manda, se puoi, qualcuno su questo mondo,
      capace di far ridere me come io faccio ridere gli altri.
      Vota la poesia: Commenta