Scritta da: Silvana Stremiz

Ulivi

S’agitano gli ulivi
sorpresi tra i presepi
dei nidi appena nati.
Il grido del silenzio
ha colto nei cristalli
fontane a mezza luna.
S’agitano sulle rive
i biondi canneti del sole
fioriti di farfalle.
Naiadi azzurre
vestite di crepuscolo
danzano in trasparenze di veli
fra oleandri dorati.
O amore d’incensi e di cenere
che diffondi il tuo silenzio
nell’eco delle stelle
ascolta questo canto
che ho sparso nel vento
con le mie bionde sabbie
fino alle ultime lune.
Nascosto dietro gli astri
c’è il mio cuore bambino
fra dune di rugiada.
Tonino Ruiu
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Voglio tornare

    Cieli d'alabastro
    e montagne di nebbia
    crepuscoli distesi
    nelle valli d'amore
    dove a sera
    languono i salici
    e i lecci corrugati
    si addormentano.
    Voglio tornare
    ai miei cieli d'infanzia
    alle mie radici segrete
    sulle rive del vento
    dove cavalli rossi
    coronati di alghe
    con ali fiorite di rugiada
    cavalcano nell'arco delle onde.
    Voglio tornare
    ai miei cieli bambini
    ai miei prati di nuvole
    impazziti di sole
    dove l'amore scava i fiumi
    con la sua bocca di pioggia.
    Voglio tornare
    al mio passato di luce
    sprofondata nell'acqua trafitta
    e guardare
    la mia casa di pietra
    addormentata
    all'ombra di mia madre
    sola.
    Ora tutto è silenzio
    nel sentiero d'argento
    gli alberi riflettono
    tramonti gravidi di pioggia
    e di vento.
    Dal monte rotolano
    valanghe di nuvole
    e steli spettrali
    di arcobaleni caduti.
    Tonino Ruiu
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di