Scritta da: Tonino Monti
Il Vecchio E Il Cane
Amico mio fedele
non so dirti cosa provo
nel vederti ancora qui
accanto a me
Questa eterna malattia
chiamata solitudine
non vuol più andare via
Medicina di immenso valore
la tua assidua compagnia
e anche se non hai parole
so benissimo cosa vuoi dire
Entrambi siamo vecchi
pieni di acciacchi
ma insieme abbiamo dato
più di quanto c'è stato reso
E anche adesso
che non bussa più nessuno
alla porta del coraggio
so di non sbagliare
quando decido per il nostro avvenire
Sarà come correre ancora
nei prati della giovinezza
in un gioco senza fine
verso un'unica certezza
quella di riscoprirti
adesso come allora
quando ti ho trovato
nel percorso della vita
sulla strada abbandonato
Quello che ho sentito allora
è rimasto dentro me
un sentimento inalterato
Adesso nei tuoi ultimi respiri
percepisco anche i miei
io non ti abbandono
senza te non vivrei
mio compagno adorato
Adesso vivremo per sempre
in un mondo incantato
dove i cani sono eterni
gli uomini privi di comando
sopratutto privi del pensiero
di poter tornare indietro
Ora sono stanco
resta sempre accanto a me
Amico mio
fedele sarò anche io
Tonino Monti
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di