Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Tommaso Mauro

Scarpe

Scarpe tutte uguali ma
diverse

Scarpe di chi è caduto
ma dalla polvere si è
rialzato
ma anche di chi dalla polvere
non si è saputo rialzare
Scarpe bagnate di chi per una
speranza è andato incontro
alla morte
morte che alcuni hanno trovato
Scarpe che giacciono accanto
a una fotografia per una
giustizia un po' più vicina
Scarpe di chi non sa
cos'è Io ma solo
cos'è Loro
Scarpe che si alzano e anche
se è notte lavorano perché
non sono sole

Ma anche scarpe che non sanno
cos'è la pietà
Scarpe sporcate di sangue altrui
per un falso Dio
Scarpe lucide pulite con il sangue
di chi ha paura e non sa difendersi
Scarpe di chi pur senza saper niente
dice di sapere tutto

E infine scarpe consumate che vanno
avanti anche se gli altri non le vedono.
Vota la poesia: Commenta