Questo sito contribuisce alla audience di

L'Orto degli ulivi

Si sta come assorti
a volte negli orti,
in balìa di un destino,
se non proprio divino,
non voluto, accettato,
talvolta sbagliato.
Si sta poi a guardare
la luce sul mare
e là come avvinti
da sguardi dipinti,
si sogna, si vola
oltre il dolore
con il chiarore
ancor di quel sole
che trafigge la vita.
Non lo fa per ferire,
ma per farti gioire
dei pensieri che vivi,
in quell'orto
tra gli ulivi.
Vota la poesia: Commenta