Vertigini

Salti nel nulla
o forse
ancor sulla
fantastica attesa
di una nota sorpresa.
Vertigini grigie:
salendo,
scendendo
con grosse valige
ricolme di sogni,
da monti, da colli,
da pensieri un po' folli.
Vertigini al suono
di un campanello:
mi giro, non vedo
ciò che sogno
e in cui credo.
Afferro l'idea
che la vertigine crea,
continuo il cammino,
tra la nebbia
al mattino.
Tiziana Cocolo
Vota la poesia: Commenta

    Sfumature

    Sbiaditi colori
    di rose ed odori
    persi nel tempo,
    coperti e celati
    dal freddo arrivato.
    Ancora rosato
    è il celere lento
    di un sentimento
    che dietro a quel velo
    non accenna a sbiadire.
    Non sai più che dire
    al sole coperto:
    non scalda
    non scotta
    ma tutte le tocca
    le note del cuore,
    di baci
    di abbracci
    di belle avventure,
    di frasi future
    rinchiuse là fuori
    in sbiaditi colori.
    Tiziana Cocolo
    Vota la poesia: Commenta

      Freddo pungente

      Di ghiacci e ghiaccioli
      un gran carosello
      che prende al cervello,
      iberna la mente
      e questo presente
      vestito di bianco
      e così trasparente.
      Coprirsi non serve,
      lo senti lo stesso
      quel freddo pungente
      che penetra dentro
      e ragioni non sente.
      La sciarpa di lana
      avvolge i pensieri,
      ma non scalda e risana
      il cuore che batte;
      è più lento,
      lo sento qua dentro,
      tra respiri soffiati
      su vetri appannati.
      Tiziana Cocolo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di