Fantasmi vaganti

Soffio di vento
sull'argine del Po,
come un lamento
lo conosco e lo so
che trascina i pensieri,
scompiglia la mente
e ragioni non sente.
Non fa che rapire
i fantasmi vaganti
del nostro sentire.
Nuvole bianche
veleggiano stanche
sul ponte di barche:
il cielo è assetato
di luce e colore
ma solo rami secchi
abbiamo sul cuore.
Bruciano piano
i fantasmi vaganti,
ma scaldano ancora,
dal vento infiammati
e mai più scordati.
Tiziana Cocolo
Vota la poesia: Commenta

    La casa degli incantesimi

    Dalla finestra
    le tue montagne
    e ciò che ti resta
    di cuori appoggiati
    sul comodino,
    amati e lasciati.
    Molte speranze
    nelle tue stanze,
    tanti progetti,
    fogli e foglietti,
    libri e cassetti,
    note intonate
    e foto passate.
    Su per la scala
    che scricchiolava
    la tua mano indicava
    e rassicurava
    ogni mio passo.
    Tra le pareti
    profumo di vita;
    mi avevi invitata
    e non sono più uscita
    dal tuo mondo incantato.
    Tiziana Cocolo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di