Inferno

S'ode il ribollire
di linfa interiore,
il ventricolo del cuore pulsa
e i suoi battiti non controllati
muovono flussi e riflessi
in arterie spezzate da sordi rintocchi.
Le viscere aggrovigliate
fermano il fiato
e il respiro affannato
cerca nell'aria un misto
di volontà e significati.
Vortici di spirito
assorbono negli ingranaggi della mente
quel filo di ragione inespressa
che possa ricongiungere
la volontà del viver
all'abbraccio del tempo.
Lotte intestine e duelli cruenti
feriscono il cuore
che pompa impazzito
la voglia di vita.
È inferno
senza l'amore.
Tiziana Cocolo
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di