Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Acquachiar@

Cavalli selvaggi

Quando i miei occhi s'incontrano nei tuoi,
sento cavalli selvaggi
portarmi tutte le parole che non oso raccontarti,
perché mi lasci senza fiato.
Ogni volta che ti guardo,
vedo giorni assolati d'estate,
tiepidi di primavera e giorni freddi d'inverno,
e anche quelli più tristi,
mi appaiono comunque sereni e pieni di luce.
Ogni volta che ti guardo,
l'universo sconfinato dove tutto è mistero,
non mi fa più paura,
perché tu segni i confini del mio mondo,
dove il mio cuore indomito,
non ha bisogno di attraversarli.
Ogni volta che ti guardo,
è sempre come la prima volta,
quando sorpresa non è mai stata così dolce e cara.
Ogni volta che ti guardo è l'arcobaleno.
Ma basta un maledettissimo istante
e tutto svanisce come la neve che non resiste al sole.
Allora, i cavalli selvaggi sono domati e stanchi,
i giorni più tristi sono solo noia e fatica,
e l'universo intero rimane paura e mistero.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Acquachiar@

    Anima

    Ho costruito la mia casa
    e poi mi son seduta.
    In riva al mare
    accanto alla mia anima l'ho guardata.
    Aveva il colore del sole,
    le finestre fatte con lo spirito dell'allegria
    e le porte con quello dell'accoglienza.
    Accanto alla casa,
    il cavallo lucente fatto con lo spirito della libertà e l'albero,
    con quello dell'amicizia.
    Sorpresa, ho osservato le mie mani,
    accorgendomi che non portavano i segni di quella fatica.
    Cercavo una risposta,
    fu in quell'istante che i miei occhi si fermarono nei tuoi.
    Senza alcuna riserva e senza mai timore,
    mi sorprese il cuore, che impavido e fiero mi rispose.
    Vota la poesia: Commenta